Eolico, è polemica in Sicilia

di Maris Matteucci Commenta

E’ polemica in Sicilia dopo che l’approvazione del Decreto Dirigenziale 13/2016 che ha introdotto l’ennesima moratoria sull’eolico, sospendendo i procedimenti per l’autorizzazione di impianti di potenza superiore a 20 kW. E assoRinnovabili (associazione dei produttori, dell’industria e dei servizi per le energie rinnovabili) denuncia una situazione davvero drammatica per l’isola italiana, costretta a rinunciare a una preziosa fonte di energia sostenibile.

eolico sicilia

In generale va detto che, specie in Italia, il settore dell’energia eolica è ancora piuttosto fragile, e spesso anche criticato per la  incapacità di far fronte ai grossi bisogni in energia della società. Insomma il Belpaese è anni luce indietro rispetto per esempio all’Inghilterra che proprio in questo periodo sta lanciando l’Hornsea Project One, il parco eolico offshore più grande al mondo da 1,2 GW che, si dice, sarà in grado di fornire energia a un milione di persone. Nettamente diversa la situazione della Sicilia, come rivela Agostino Re Rebaudengo, presidente di assoRinnovabili:

L’EOLICO DEL FUTURO VOLERÀ?

Il Decreto rappresenta uno scandalo per tutti quei produttori con istanze pendenti da diversi anni presso gli uffici regionali competenti. Ci sono imprenditori che aspettano l’autorizzazione a costruire dal 2006! Non è più ammissibile che la Regione continui ad utilizzare il pretesto della mappatura per mettere i bastoni tra le ruote agli operatori, bloccando quindi tutti i progetti

Una situazione di grande tensione, insomma, nell’isola siciliana che non può certo sfruttare l’energia eolica e si trova costretta a rimandare ancora una volta un appuntamento che ha come obiettivo quello di un mondo decisamente più green.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>