Enel Green Power avvia il cantiere dell’agrivoltaico più grande d’Italia

di La Redazione 1.161 views0

In costruzione a Tarquinia il più grande impianto nazionale e il maggiore Parco solare EGP 

170 MW di capacità completamente rinnovabile e integrati con le attività agricole del territorio: Enel Green Power – società che all’interno del Gruppo Enel è dedicata allo sviluppo e all’esercizio di impianti di energia rinnovabile – avvia a Tarquinia, in provincia di Viterbo, il cantiere per il suo Parco solare più grande in Italia, che sarà anche il più grande impianto agrivoltaico a livello nazionale. 

La realizzazione del nuovo impianto conferma l’impegno di Enel per la transizione energetica e l’attenzione alle comunità locali: le imprese impegnate nel progetto sono infatti laziali, per la maggior parte proveniente dal Viterbese, e vedranno coinvolte circa 330 persone in 13 mesi di tempo stimato di costruzione.

Una volta raggiunta la piena operatività, l’impianto produrrà in media 280 GWh all’anno e permetterà di evitare l’emissione in atmosfera di circa 130mila tonnellate di CO2 e di sostituire circa 26 milioni di metri cubi di gas con l’energia solare, prodotta a livello locale e in grado di soddisfare il fabbisogno di circa 111mila famiglie

Un progetto di valore – non solo per la capacità produttiva da fonti rinnovabili, ma anche per l’innovazione e i vantaggi per l’agricoltura e la zootecnia:

  • L’impianto utilizzerà moduli fotovoltaici bifacciali, per assorbire energia solare da entrambi i lati, montati su strutture a inseguimento del Sole – i tracker – per rendere ancora più efficiente la produzione di energia rinnovabile.
  • Il Parco solare agrivoltaico sarà realizzato nell’area privata di un’impresa del territorio, che collabora con EGP per integrare l’impianto con la coltivazione di ulivi nelle fasce perimetrali e di foraggio e borragine nelle aree libere tra le file dei pannelli e nelle fasce di rispetto degli elettrodotti aerei.

Il parco solare in costruzione a Tarquinia – commenta Salvatore Bernabei, CEO di Enel Green Power – dimostra come sia possibile gestire in armonia la crescita delle energie rinnovabili e l’attività agricola”. “Si tratta, infatti, di un impianto che sarà perfettamente integrato con il territorio e che ospiterà colture al suo interno, generando ricadute positive per l’ambiente e l’economia e contribuendo alla riduzione della dipendenza energetica dell’Italia.  

Il Parco solare di Tarquinia rientra nel più ampio impegno del Gruppo Enel per un nuovo sviluppo sostenibile del territorio a supporto della transizione energetica, secondo una strategia che pone come priorità la valorizzazione delle strutture esistenti e la costruzione di nuovi impianti di produzione rinnovabile.

Enel Green Power è dedicata allo sviluppo e all’esercizio di impianti di energia rinnovabile ed è presente in Europa, nelle Americhe, in Africa, Asia e Oceania. Leader mondiale nell’energia pulita, con una capacità totale di oltre 59 GW e un mix di generazione che comprende eolico, solare, geotermico e idroelettrico, EGP è davvero in prima linea nell’integrazione di tecnologie innovative.

Tra ambito agricolo, residenziale, industriale e terziario, nel 2021 l’Italia contava circa 1 milione di nuovi impianti fotovoltaici su una superficie di 152,1 chilometri quadrati – pari, cioè, allo 0,05% del territorio nazionale. Per raggiungere gli obiettivi fissati per il fotovoltaico, servirebbero circa 405 chilometri quadrati di pannelli, che equivalgono a meno di un terzo del Comune di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>