Il disastro ecologico nel deserto di Atacama

di pask 239 views0

La volontaria Ángela Astudilo e la direttrice Bárbara  Pino, direttore dell’Osservatorio Sistema Moda di Santiago presso l’Universidad Diego Portales, aveva programmato questo viaggio da mesi. Astudillo si era offerto volontario per essere la loro guida. Il cumulo di tessuti scartati nel mezzo dell’Atacama pesava tra le 11.000 e le 59.000 tonnellate, equivalenti a una o due volte il ponte di Brooklyn. Quando la squadra raggiunse i cancelli di El Paso de la Mula, più della metà della pila di vestiti era in fiamme. Il fumo oscurava tutto, sospeso come una tenda nera opaca. Le autorità municipali hanno allontanato il gruppo, vietando loro di rimanere nei locali. Ma Astudillo conosceva il paesaggio, quindi indirizzò la squadra verso il lato opposto della duna, dove l’accesso era ancora libero.

Lì, gli studenti hanno osservato l’inferno. Era “come una guerra”, ha detto Pino. Sentì ondate di calore. Fumo nero si levava dagli abiti in fiamme. L’aria era densa e difficile da respirare. Il fumo ricopriva il fondo della loro gola e intasava le loro narici con l’odore acre della plastica che si scioglieva. Si coprirono il volto, cercando di non inspirarlo. Poi il gruppo sentì una serie di forti schiocchi mentre mini esplosioni esplodevano dall’interno della vasta distesa di indumenti in fiamme.

La città di Alto Hospicio si trova su una scogliera sopra l’Oceano Pacifico, una comunità dormitorio per la sottostante città di vacanze al mare di Iquique. Immaginate se Atlantic City nel New Jersey fosse contemporaneamente circondata e sostenuta da un altopiano del Nevada, e se le due località fossero collegate da un’autostrada a due corsie. Ogni giorno nel porto di Iquique, gru giganti prelevano contenitori pieni di vestiti scartati dai ponti delle navi e li depositano su camion a pianale. Nessuno sa esattamente quanti vestiti transitano ogni anno nel porto; le stime vanno da 60.000 a 44 milioni di tonnellate. Successivamente, si dirigono verso la vicina zona di libero scambio, conosciuta localmente come “Zofri”, dove i rimorchi tornano nei magazzini di 52 importatori di vestiti usati e gli operatori dei carrelli elevatori trasferiscono all’interno balle sigillate di vestiti, o fardos.

Il Cile è il più grande importatore di abbigliamento di seconda mano in Sud America e tra il 2020 e il 2021 è stato l’importatore di indumenti usati in più rapida crescita al mondo. Il porto di Iquique è una zona esentasse consolidata, incentivando questa fiorente industria dei tessili naufraghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>