Crisostomo (ENEL) a ‘La Ripartenza’ di Nicola Porro: Accelerazione delle rinnovabili

di La Redazione 909 views0

Da Repower EU e PNRR, grande supporto alla transizione energetica 

“Gli italiani stanno cambiando, e stanno vivendo in prima persona la transizione energetica. Il PNRR permetterà di investire sulle reti per favorire l’indipendenza energetica dell’Italia, di formare sempre più risorse specializzate come stiamo già facendo con Energie per Crescere, di generare nuovi posti di lavoro e di implementare progetti come la nostra 3Sun Gigafactory di Catania, che diventerà un punto di riferimento dell’intera filiera europea”.

Lo ha detto ieri Michele Crisostomo, Presidente del Gruppo Enel, a margine della quarta edizione dell’evento ideato da Nicola Porro “La Ripartenza. Liberi di pensare“. Quest’anno dedicato all’energia – con particolare riferimento alle aziende energivore, al risparmio intelligente, alla sicurezza energetica e al ruolo delle reti elettriche.

Secondo il Presidente Crisostomo, intervenuto durante la tavola rotonda Gas o no gas: il dilemma elettrico”, la crisi energetica ha portato a un’accelerazione delle rinnovabili nella prospettiva di una riduzione nell’utilizzo del gas, con una novità: la sempre maggiore partecipazione, che rende i consumatori anche produttori di energia rinnovabile – quindi protagonisti della necessaria decarbonizzazione, che contribuiscono direttamente all’indipendenza energetica dell’Italia. Per Enel, una missione portata avanti con successo e che, nel 2022, aveva già superato il milione di prosumer: una crescita esponenziale delle richieste di allaccio alla rete da parte di famiglie e imprese, grazie alla sempre maggiore consapevolezza della volatilità dei prezzi provocata dalla crisi energetica.

Infatti, i progetti previsti da Enel sono tesi a rendere il nostro Paese pronto a ospitare milioni di punti di generazione di energia rinnovabile su tutto il suo territorio. Una responsabilità che incrocia perfettamente le missioni del PNRR, per fare in modo che la rete elettrica sia capace di accoglierli e sostenerli. Pertanto, anche di attrarre investimenti per permettere soluzioni innovative e tecnologicamente avanzate, che assicurino stabilità a questa nuova capacità rinnovabile. 

Un piano progettuale ambizioso ma percorribile, grazie anche alla spinta proveniente dalle azioni in sede europea. Come ha dichiarato Crisostomo, infatti, “il programma Repower EU è di grande supporto alle rinnovabili” e si sviluppa su tre cardini principali:

  • la diversificazione delle fonti di approvvigionamento;
  • la messa in sicurezza delle filiere;
  • lo sblocco degli iter amministrativi che limitano lo sviluppo delle rinnovabili.

Come spiegato dal Presidente Crisostomo, transizione energetica per Enel significa anche formazione e occupazione delle figure professionali del futuro (come quella in atto in questo momento con EnelOpenSchool) ma anche la continua innovazione tecnologica, come nel caso della catanese 3Sun Gigafactory – oggi uno dei più importanti impianti mondiali nella produzione di pannelli fotovoltaici bifacciali a elevate prestazioni e che basa i suoi sistemi di automazione e controllo su intelligenza artificiale, data science e machine learning.

Una transizione che vede al centro le persone, attori sempre più consapevoli e attivamente partecipi dell’ecosistema energetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>