La Maddalena è sempre più inquinata

di Redazione 841 views1

La Sardegna è uno dei posti più belli d’Italia, meta turistica prediletta anche da molti vip in estate, per il suo splendido mare. La Maddalena è una delle zone italiane più a rischio a causa dell’inquinamento: quella che sembrava una zona inquinata ma in fase di recupero, sta in realtà peggiorando giorno dopo giorno.

Da sette ettari di territorio su cui intervenire, si è passati a dodici, la situazione si fa sempre più preoccupante e i fondi stanziati per le bonifiche, 30 milioni dopo il G8 che di fatto non c’è mai stato, non sono stati utilizzati efficaci. Le sostanze che inquinano le acque de La Maddalena sono piombo, idrocarburi e mercurio, presente, secondo gli ultimi rilevamenti, in quantità dieci volte maggiore rispetto al previsto.

L’Area di fronte all’Arsenale è quella più inquinata, come spiegato dal pm Riccardo Rossi, che da due anni ormai si occupa dell’inchiesta sulle bonifiche:

Vi è l’ipotesi che buona parte della zona sia stata inquinata da errate manovre di bonifica, con diffusione del materiale inquinante rimosso, polveri sollevate e poi ricadute sul fondale. l nostro interesse è che la bonifica venga eseguita nel modo ottimale.

Una seconda inchiesta, inoltre, si occupa delle bonifiche a terra, quindi le acque non sarebbero l’unico problema. Gli indagati sono i rappresentanti ai quali la Protezione Civile, allora guidata da Guido Bertolaso, aveva fatto affidamento. Le bonifiche sono state ribattezzate “bonifiche fantasma” e l’inquinamento ha raggiunto livelli impensabili, il ché fa indignare parecchio anche la popolazione dell’isola, il pm ha spiegato:

Spreco inammissibile per la bonifica. Le imprese responsabili siano obbligate a farsi carico del risanamento. E’ tempo di dare alla Maddalena un futuro sostenibile.

Anche Legambiente Sardegna è intervenuta per risolvere la questione e per sottolineare le mancate bonifiche:

Le imprese incaricate di ripulire acqua e fondali non hanno svolto per nulla e comunque non bene il loro lavoro. Un compito per il quale hanno intascato moltissimo denaro, ben 30 milioni di euro, senza raggiungere alcun risultato, soldi pubblici che è inammissibile vengano sprecati così.

Photo Credits | Thinkstock

Commenti (1)

  1. …all’avvicinarsi della nuova stagione turistica, ecco puntuali le ormai scontate grida…per chi conosce la geografia, si potrebbe altrettanto sostenere che siccome il porto di Genova è inquinato (come tutti i porti e in modo ben più drammatico rispetto a quella piccola area puntiforme dell’ex arsenale della Maddalena), allora anche il golfo della Sirte è inquinato…
    …senza perciò negare che l’AREA PORTUALE interessata, tra l’altro, comunque ben appartata rispetto alle zone balneabili, come TUTTE le aree portuali del mondo, presenti inquinamento..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>