Ilva di Taranto: i dati sui tumori del ministero

di roberto bosio 22 views0

Oggi il ministro della salute Renato Balduzzi ha presentato il rapporto sulla salute – dal titolo “Ambiente e salute a Taranto: evidenze disponibili e indicazioni di sanità pubblica” – della città pugliese in un conferenza stampa all’Ospedale SS. Annunziata di Taranto. Il risultato che emerge è che

Emerge con chiarezza uno stato di compromissione della salute della popolazione residente a Taranto.

Lo studio è stato promosso dal Ministero della Salute e coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, e contiene i dati sulla mortalità negli anni compresi tra il 2003 ed il 2009, uniti a quelli del rischio sanitario legato alla qualità dell’aria.

I risultati sono impressionanti, visto che la mortalità a Taranto è più alta rispetto al resto della Puglia del 14% per gli uomini e dell’8% – la media fa l’11%. La differenza è ancora più rilevante se si paragonano i dati tarantini con quelli della provincia di appartenenza: +30% per gli uomini e +20% per le donne. In particolare colpisce l’effetto dell’inquinamento sui bambini: crescono le malattie nel primo anno di vita e la mortalità.

E c’è da rilevare che, come evidenzia il ministro della Salute:

I residenti nei quartieri di Tamburi, Borgo, Paolo VI e nel comune di Statte mostrano una mortalità e morbosità più elevata rispetto alla popolazione di riferimento, in particolare per le malattie per le quali le esposizioni ambientali presenti nel sito possono costituire specifici fattori di rischio.

LINK UTILI
Ilva di Taranto: smentiti i dati sugli aumenti di tumori
ILVA, sindacati in piazza il 20 ottobre
ILVA, ore cruciali per la chiusura
Ilva di Taranto: altre situazioni analoghe mettono a rischio l’Italia
ILVA: Assemblea Pubblica al Teatro Valle di Roma, 29 settembre
Ilva Taranto: giudice boccia piano dell’azienda
Ilva di Taranto: procura chiede di spegnere gli impianti
Ilva di Taranto: procura chiede di spegnere gli impianti

Ilva di Taranto: smentiti i dati sugli aumenti di tumori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>