Il sapone magnetico che ripulisce il mare dal petrolio

di Redazione 38 views0

Si fanno sempre nuove scoperte in ambito scientifico per poter riuscivere a risolvere il grave problema dell’inquinamento. Negli ultimi anni ci sono stati diversi disastri ambientali, il petrolio in mare è uno dei più gravi e l’esempio più recente è l’affondamento della Costa Concordia all’isola del Giglio. Proprio in questi giorni, eventi atmosferici permettendo, si sta cercando un modo per svuotare le cisterne della nave evitando che il petrolio si riversi in mare.

Purtroppo solo parte del danno potrà essere scongiurato, considerato che già dai primi giorni i detersivi che si trovavano a bordo della Costa Concordia hanno iniziato a disciogliersi in acqua. Intanto dall’Università di Bristol arriva una nuova scoperta che potrebbe cambiare il modo di salvare le acque dai riversamenti di petrolio.

Si tratta di un detergente creato dagli studiosi guidati da Julian Estoe. Si tratta di una sorta di saponetta contenente atomi di ferro, capace di formare delle piccole particelle che poi possono essere rimosse magneticamente. Le molecole presenti nel sapone sono delle estremità opposte, quindi una è attratta dall’acqua e l’altra è respinta. In questo modo, il sapone è capace di racchiudere le superfici sporche con le molecole che respingono l’acqua e si aggregano in piccole gocce.

Visto che il sapone nasce con l’intento di essere riversato in mare, gli studiosi hanno dovuto anche escogitare un modo per poterlo rimuovere con facilità, per questo ci sono gli atomi di ferro, l’effetto è quello della calamita. Ovviamente la scoperta suscita già molto interesse, in quanto potrebbe risolvere parecchi problemi, a partire da quello dell’isola del Giglio, ma potrebbe essere utile, oltre che in ambito scientifico, anche in ambito industriale.

La scienza sta facendo molti progressi, di recente infatti abbiamo visto anche la scoperta di un fungo capace di mangiare letteralmente la plastica, che potrebbe rivelarsi una nuova soluzione per lo smaltimento di uno dei materiali più difficili da eliminare, una rivoluzione per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>