Cambiamenti climatici, coltivazioni caffè dimezzate entro il 2050

di Maris Matteucci 115 views0

Coltivazioni di caffè dimezzate entro il 2050 a causa dei cambiamenti climatici che stanno affliggendo il pianeta. Lo rivela il rapporto “A Brewing Storm” del Climate Institute di Sydney che punta il dito sul netto aumento delle temperature.

I ricercatori sostengono che tra poco più di trent’anni la produzione di caffè subirà un vertiginoso calo.

► RISCALDAMENTO GLOBALE, I PRIMI SEI MESI DEL 2016 SONO I PIÙ CALDI DELLA STORIA

L’aumento delle temperature e gli eventi meteo estremi taglieranno le aree adatte alla produzione fino al 50%, riducendo la qualità del caffè e aumentando i prezzi al consumo. I consumatori dovranno affrontare la riduzione delle scorte, l’impatto su sapore e aromi e l’aumento del prezzo. Senza azioni significative contro il cambiamento climatico gli agricoltori dovranno spingere la produzione su territori riservati ora ad altri usi come la conservazione della natura e delle foreste. Entro il 2080 il caffè selvatico, importante risorsa per gli agricoltori, potrebbe sparire

CAMBIAMENTI CLIMATICI, PIÙ MORTI OGNI ANNO

L’aumento delle temperature ha già duramente colpito alcune zone del pianeta influenzando in modo negativo la produzione di caffè. Ad oggi i paesi più colpiti sono quelli considerati centrale nella produzione del caffè: il Messico per esempio, ma anche Guatemala e Nicaragua. Aumentano i parassiti che inficiano una corretta crescita e la situazione non regala certo scenari rosei visto che i cambiamenti climatici rappresentano una questione quanto mai all’ordine del giorno e che desta serie preoccupazioni, non solo per le produzioni in calo ma anche per temi legati al surriscaldamento del pianeta.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>