Peschereccio giapponese vuoto alla deriva per lo tsunami

di Redazione 102 views1

Capita anche questo. Un battello da pesca giapponese è alla deriva a davanti alle coste canadesi – ovviamente lato Oceano Pacifico. Rappresenta l’avanguardia del milione e mezzo di tonnellate di detriti, dovuti allo tsunami che ha devastato le coste giapponesi l’11 marzo 2011, e che si stanno dirigendo verso l’America del Nord.

Sono i resti delle città costiere colpite dal cataclisma: frigo, lavatrici, televisori, tetti, reti da pesca… si muovono verso est attraverso l’oceano Pacifico e potrebbero raggiungere le coste americane più presto del previsto – almeno a dare retta alla NOAA, ovvero l’Amministrazione nazionale oceanica ed atmosferica americana.

Questa organizzazione pensava inizialmente che i primi detriti avrebbero raggiunto il nord delle isole Hawaii quest’inverno e che si sarebbero lentamente spostate verso l’Alaska, il Canada e la costa Ovest degli Stati Uniti l’anno prossimo.

Ma queste previsioni, realizzate poco dopo lo tsunami partendo da modelli imperfetti delle correnti e dei venti, si sono rivelate inesatte. Il governo giapponese ha valutato che i detriti provenienti dalle prefetture costiere di Iwate, Miyagi e Fukushima rappresentavano un totale di cinque milioni di tonnellate. Il 70% sono state inghiottite dall’oceano.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>