Saviano accusa la Rai: “ha omaggiato un boss della Camorra”

di Redazione 44 views0

Questa è una storia passata inosservata. Strana, dura pochi minuti. Ma minuti televisivi. Arriva in milioni di case nei giorni che si preparano al Capodanno.

E’ l’inizio di un post che Roberto Saviano ha scritto su Facebook. Una storia che raccontiamo perché la Camorra ha effetti devastanti sull’ambiente campano, come dimostra la tragica uccisione di Angelo Vassallo.

Il 29 dicembre del 2010, in una trasmissione andata in onda su Rai Due, viene invitata a chiudere il programma di Lorena Bianchetti dal titolo Canzoni e Sfide una bambina di dodici anni.

Si chiama Mary Marino, figlia di Gaetano, boss degli Scissionisti, usciti vincitori della guerra interna al cartello dei Di Lauro. Sale sul palco per cantare una canzone che in forma di lettera racconta il suo amore per il padre.

Naturalmente non c’è nulla da dire su una bambina che ama un padre – anche se camorrista – e gli vuole dedicare la sua canzone. Meno che Gaetano Marino assista all’esibizione in prima fila – come un ospite d’onore -, tanto è vero che alla fine dell’esibizione Lorena Bianchetti si avvicina alla bambina le dice:

Ti va di fare una sorpresa a papà? Ti va di dargli un bacino? Dov’è… signor papà, c’è Mary che vorrebbe darle un bacino.

Il padre viene anche inquadrato quando riceve il bacino della figlia. Nelle immagini non si vedono le mani di legno – le sue le ha perse a causa dello scoppio di una bomba. Ha assistito in una prima serata Rai – quella per cui paghiamo un canone ogni anno – ad una sua celebrazione, visto che la bambina canta:

che fortuna ho avuto ad averti per quello che dici e quello che fai.

Come scrive Saviano

Perchè la Rai ha messo in scena questa celebrazione? Il mondo degli appalti che riguardano lo spettacolo è da sempre infiltrato.

E conclude

Prima o poi si riuscirà a svelare i legami tra mafie, televisioni, musica e spettacolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>