I mozziconi di sigaretta diventano rispettosi dell’ambiente

di Redazione 776 views1

Ogni anno, una buona parte dell’inquinamento ambientale deriva al fumo e dai mozziconi di sigaretta, che sono davvero molto difficili da smaltire. Adesso un’azienda di San Diego ha pensato ad un’idea innovativa che possa permettere ai fumatori di continuare a fumare, malgrado le implicazioni che la cosa comporta per la loro salute, ma senza inquinare.

Sigarette eco-friendly, in sostanza, realizzate con un tabacco privo di additivi chimici e, pensate un po’, quando le buttate via non provocano più alcun danno all’ambiente e se avrete l’accortezza di depositarle sotto uno strato di terreno, daranno addirittura vita ad una piantina.

Si chiamano Greenbutts, sono i mozziconi di sigaretta green, dotate di filtri totalmente biodegradabili. C’è da considerare che attualmente i filtri delle sigarette sono fatti di acetato di cellulosa, il loro processo di degradazione è molto difficile e spesso dipende dalle condizioni ambientali, ma in media un mozzicone impiega 15 anni per essere smaltito e nel corso di questo tempo provoca parecchi danni all’ambiente in cui viene “abbandonato”.

Le Greenbutts invece sono delle sigarette completamente naturali, i filtri sono realizzati con una miscela di lino, canapa, cotone e semi, che sono la parte fondamentale che dà vita ai fiori. Un fumatore che al di là del suo vizio vuole comunque supportare la natura e fumare senza sentirsi in colpa, potrà prendersi l’impegno di coltivare, letteralmente, i mozziconi, anziché buttarli via o in tal caso, farlo senza provocare nemmeno la minima percentuale di danni.

Ovviamente è sempre meglio non fumare, visto che comunque non fa bene all’organismo oltre che all’ambiente, ma se proprio non si riesce a perdere il vizio, allora è preferibile che le aziende decidano di passare ai filtri “biologici”, che rispettino l’ambiente e che siano addirittura capaci di aiutarlo, dando vita a piantine e fiori. Una grande percentuale di mozziconi inquina le nostre strade e e nostre spiagge, nonostante alcuni Paesi abbiano già adottato delle multe per chi lascia i mozziconi per strada, il fenomeno è ancora abbastanza diffuso e visto che la soluzione c’è, perché non adottarla al più presto?

Photo Credits | Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>