Il marciapiede che converte i passi in elettricità

di roberto bosio 75 views0

Il PaveGen è un pavimento in lastre di gomma riciclata che trasforma l’energia dei passi in elettricità. Lo ha inventato un ingegnere inglese venticinquenne – Laurence Kemball-Cook – che ha sviluppato il prototipo durante il suo ultimo anno di università nel 2009.

L’idea è semplice: chi cammina su di esse provoca una compressione di cinque millimetri. Questa energia cinetica viene trasformata in energia elettrica immagazzinata in una batteria al litio. Quanta? Sul sito di PaveGen non ci sono dati a proposito.

Quelli che ho trovato io parlano di circa 2,1 watt all’ora per piastrella – stimando che la piastrella venga compressa ogni volta in un intervallo compreso tra i 4 e i 10 secondi. Il 5% dell’energia viene utilizzata per illuminare la piastrella e informare i passanti del loro piccolo contributo a favore dell’ambiente.

Cosa vuol dire 2,1 watt all’ora? Uno dei vari test fatti ha permesso di stabilire che l’energia cinetica generata da 250.000 passi permette di caricare circa 10.000 cellulari.

Secondo i dati dell’azienda che li commercializza, le piastrelle si ammortizzerebbero nel giro – più o meno – di un anno. Ovviamente tutto dipende dal numero di passi a cui vengono sottoposti.

Quindi non si può nemmeno dire quanto possano durare. Si parla di cinque anni o di venti milioni di passi.

Queste piastrelle molto particolari hanno già ricevuto le prime ordinazioni: saranno piazzate in luoghi di passaggio delle Olimpiadi di Londra del 2012 e davanti al centro commerciale Westfield Stratford City Shopping Centre.

Questo enorme shopping center vanta un traffico considerevole: ogni anno viene visitato da trenta milioni di clienti. Un traffico che potrebbe garantire grandi quantità di energia pulita grazie a queste piastrelle.

Il Pavegen verrà installato all’esterno del Westfield Stratford City Shopping Centre in corrispondenza di un incrocio tra i più frequentati della capitale inglese, perché passeranno di lì anche gli sportivi diretti allo stadio olimpico londinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>