Nuova Zelanda: il cargo rischia di affondare

di Elide Commenta

Si fa sempre più preoccupante la situazione in Nuova Zelanda, dove la Rena è rimasto incagliato, precisamente nella Bay of Plenty, una delle zone più belle del mondo, al momento ad altissimo rischio a causa delle tonnellate di petrolio che si sono diffuse e che hanno già contaminato buona parte della baia.

Adesso il rischio si fa ancora più alto perché la nave è passata da un’inclinazione di12 a 18 gradi e le molte crepe presenti sulla nave, fanno pensare ad una probabile frattura, il ché darebbe il via ad una catastrofe vera e propria, che in realtà ha già avuto inizio con 300 tonnellate di petrolio che si sono riversate in mare.

Il capitano della Rena è stato arrestato e rischia una multa di 10mila dollari neozelandesi o anche un anno di carcere, ma al momento è stato rilasciato su cauzione. Diecimila dollari neozelandesi sono poco più di cinquemila euro, una somma irrisoria se considerati i danni irreparabili che la Rena sta causando all’ambiente.

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>