Nuova Zelanda: pericolo marea nera

di Elide 2

E’ lunga sei chilometri la striscia nera di petrolio che si trova al largo della Nuova Zelanda, dove la nave container Rena si è arenata. E’ accaduto nella baia dell’Abbondanza, a 22 km dal porto di Tauranga, sulla barriera corallina Astrolabe, una delle zone più ricche e preziose al mondo, in materia di coralli.

L’imbarcazione è lunga 236 metri per 47.230 tonnellate e la Nuova Zelanda adesso è a rischio, tanto che il Ministro dell’Ambiente Nick Smith teme che possa verificarsi la più grande catastrofe ambientale mai avvenuta negli ultimi decenni in Nuova Zelanda.

La Rena trasporta 2.100 container e nelle stive ha 1.700 tonnellate di olio pesante e sta mettendo a serio rischio l’ecosistema della baia di Plenty, che possiede una ricca fauna ma anche una vasta flora, ed è una delle mete turistiche più importanti del Paese. I danni già iniziano a farsi sentire e vedere: uccelli morti nei pressi della baia, altri ricoperti di petrolio, anche se ancora non è possibile determinare quanto gravi possano essere i danni subiti dalla nave, ci sono balene, foche, delfini, spugne multicolore e anemoni di mare ad alto rischio.

Photo Credits | Thinkstock

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>