Un milione di dollari per salvare le tigri: così Leonardo di Caprio aiuta la tutela degli animali

di Redazione 86 views2

Un milione di dollari per salvare le tigri. E’ la donazione di Leonardo di Caprio per sostenere le più urgenti azioni di conservazione della regina della giungla. La star di Holywood nei mesi scorsi ha visitato il Nepal e il Bhutan e insieme agli esperti del Wwf ha percorso a dorso di elefante gli habitat della tigre con le squadre antibracconaggio, ha incontrato le comunità locali e ha conosciuto le tecniche di monitoraggio utilizzate dagli scienziati dell’organizzazione ambientalista.

Tigri vittime di cracconaggio
Il violento bracconaggio che colpisce la tigre e la perdita di habitat dovuta alla deforestazione selvaggia – ricorda Di Caprio – , stanno spingendo questa specie e migliaia di altre sull’orlo dell’estinzione. Se non facciamo qualcosa adesso, uno degli animali più simbolici al mondo potrebbe sparire nel giro di poche decadi. Salvando la tigre, possiamo anche proteggere alcune delle antiche foreste tuttora esistenti e migliorare la vita delle comunità locali’‘.

Il numero di tigri rimaste
In tutta l’Asia – fa sapere il Wwf – il numero di tigri è crollato dai 100.000 esemplari all’inizio del secolo scorso ai circa 3200 rimasti in natura. E ogni giorno nuove notizie parlano di bracconaggio e di tigri uccise, come l’ultima in India, per i conflitti con l’uomo. Il mondo si aspetta che in questo vertice senza precedenti, presieduto dal primo ministro russo Vladimir Putin in persona, venga definito un Piano Globale per la Conservazione della Tigre con l’obiettivo di raddoppiarne il numero entro il 2022, prossimo Anno della Tigre”.
I soldi donati da Di Caprio serviranno a supportare le attività di antibracconaggio e a proteggere le aree forestali che il Wwf ritiene più cruciali per la conservazione della tigre.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>