Deforestazione in Amazzonia diminuita nella prima metà del 2023

di pask 1.651 views0

Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha promesso di porre fine alla distruzione della foresta pluviale amazzonica entro il 2030. La deforestazione nella foresta pluviale amazzonica brasiliana è diminuita del 34% nella prima metà del 2023, mostrano i dati preliminari del governo, raggiungendo il livello più basso in quattro anni quando il presidente Luiz Inacio Lula da Silva istituisce politiche ambientali più severe. I dati prodotti giovedì dall’agenzia nazionale di ricerca spaziale brasiliana Inpe hanno indicato che 2.649 kmq (1.023 miglia quadrate) di foresta pluviale sono stati disboscati nella regione nella prima metà di quest’anno, il livello più basso dal 2019. “È molto positivo, ma continuiamo ad avere livelli molto alti di deforestazione“, ha affermato Daniel Silva, analista dell’organizzazione no profit WWF-Brasile, come per dire che ok ci siamo, ma dobbiamo continuare a lavorare.

Lula, 77 anni, è entrato in carica a gennaio promettendo di porre fine alla deforestazione entro il 2030, dopo l’impennata delle distruzioni sotto il suo predecessore, Jair Bolsonaro, che aveva tagliato drasticamente gli sforzi per la protezione ambientale. Durante il mandato di Bolsonaro dal 2019 al 2022, la deforestazione dell’Amazzonia è aumentata del 75% rispetto alla media del decennio precedente. L’ex leader di estrema destra aveva chiesto più agricoltura e estrazione mineraria su terre protette, dicendo che avrebbe sollevato la regione dalla povertà. Il ministro dell’Ambiente Marina Silva ha dichiarato giovedì in una conferenza stampa che il calo della deforestazione è stato un risultato diretto del governo Lula che ha rapidamente aumentato le risorse per l’applicazione dell’ambiente. “Stiamo facendo ogni sforzo per garantire che [il nostro piano anti-deforestazione] sia già in pieno svolgimento. Questo è il risultato dei nostri sforzi di emergenza“, ha detto Silva.

Solo a giugno, i dati satellitari dell’agenzia spaziale nazionale brasiliana, o INPE, hanno mostrato che la deforestazione è stata di 663 kmq, in calo del 41% rispetto allo stesso mese di un anno fa. Resta da vedere se la deforestazione annuale mostrerà un declino complessivo, poiché il picco annuale della deforestazione e degli incendi va da luglio a settembre. “Luglio tende ad avere un’esplosione nella deforestazione“, ha detto Joao Paulo Capobianco, vice di Silva al ministero dell’ambiente.

Il mese scorso, il governo brasiliano ha svelato i suoi piani per rispettare l’impegno di Lula di eliminare la deforestazione in Amazzonia entro il 2030, utilizzando un lungo elenco di misure, tra cui il rafforzamento delle forze dell’ordine, contro i crimini ambientali e lo sviluppo economico verde. Lula ha anche cercato di convincere i paesi più ricchi del mondo a pagare per iniziative volte a salvaguardare l’Amazzonia, aggiungendosi al lavoro svolto da Norvegia e Germania attraverso il cosiddetto Fondo Amazzonia. La protezione dell’ambiente è una questione chiave in quanto il blocco commerciale sudamericano Mercosur negozia un accordo di libero scambio a lungo ritardato con l’Unione europea. L’UE ha recentemente avanzato nuove richieste ai quattro paesi del Mercosur per combattere i crimini ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>