Lo shampoo solido e la lotta alla plastica

di pask 230 views0

Ormai in tutti i modi si cerca di eliminare il consumo di plastica che sta gravando pesantemente sull’ecosistema, anche se il coronavirus ha avviato un sistema di consegne a domicilio per tener vive molte attività che sfruttano il medesimo materiale per le commissioni. Riusciremo mai a liberarci da questa dipendenza?

Bisogna far qualcosa quindi per eliminare o consumare meno plastica possibile e smaltire quella necessaria nel migliore dei modi. Nell’ambito della cosmesi e cura del corpo i passi fatti per rendere i prodotti plastic free sono notevoli. Dallo sviluppo di punti dove rifornirsi di detersivo alla spina, che spinge al riutilizzo delle latte perché il detersivo viene venduto direttamente nella sua forma liquida, ai sali da bagno da sciogliere direttamente in acqua.

Ecco quindi arrivare, anche se c’è già da un po’, lo shampoo solido. Un ritorno alla vecchia saponetta? Quasi, perché in questo caso l’utilizzo è proprio per la pulizia dei capelli e non del corpo. La stima approssimativa delle bottiglie di plastica scartate degli shampoo è di 552milioni per i soli Stati Uniti D’America, un’esorbità.

Se in passato si sono sempre trovati metodi abbastanza ecologici per la propria igiene, adesso il nemico principale è la nostra abitudine. La plastica non è la sola nemica di questi prodotti industriali che contengono anche altre sostanze tossiche nella composizione tra allergeni ed irritanti che interferiscono anche con il ph naturale della nostra pelle.

La scelta biologica in tutti i sensi

Quindi cosa fare per combattere tutto ciò? Scegliere il modo più ecologico possibile. Non è detto che dobbiate comprare per forza la “saponetta” ma basta puntare ad aziende che utilizzano meno materiale possibile anche nel solo packaging. Se poi volete evitare anche sostanze tossiche nel caso degli shampoo solidi dovete sapere che principalmente sono prodotti biologici realizzati con procedure naturali.

Si trovano ormai in svariate forme, packaging essenziale, colore, gusto e profumo tale che viene quasi voglia di mangiarli (ma non fatelo) anche se ci furono notizie sulla realizzazione di prodotti per la cosmesi commestibili. Ricordatevi che ogni piccolo gesto di cambiamento delle nostre abitudini può influire positivamente per il futuro del pianeta e per l’ambiente che vi circonda cosicché possiate godervelo per sempre. Google è vostro amico, digitate “shampoo solido” e scegliete.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>