A Castiglione Cosentino il comune distribuisce le borracce anti-plastica

di Daniele Pace 33 views0

Borracce anti-plastica da distribuire agli studenti. È questa l’iniziativa del sindaco di Castiglione Cosentino per sensibilizzare i giovani all’ecologia. Il comune vicino Cosenza, di tremila anime, ha così deciso di investire sulle borracce in acciaio, per evitare che i propri studenti consumino bottiglie di plastica anti-ecologiche.

La borraccia distribuita a Castiglione Cosentino

La lotta alle bottiglie di plastica inizia a prendere piede in tante città, con varie iniziative. L’ultima è stata quella di Londra, dove il sindaco ha installato cento fontane pubbliche dove riempire la propria bottiglia personale. Un evento per la capitale britannica, dove per bere in strada si doveva per forza comprare la classica bottiglia al supermercato. Ne saranno installate altre quattrocento, per cercare di sensibilizzare la popolazione.

L’iniziativa di Castiglione Cosentino

In Italia invece, le fontanelle sono già installate quasi ovunque, e allora si distribuiscono borracce, come a Castiglione Cosentino, dove per l’inizio dell’anno scolastico il nuovo sindaco Salvatore Magarò regalerà le borracce in acciaio. Il sindaco è anche l’ex presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta, una persona da sempre impegnata per la cittadinanza.

A ricevere le borracce saranno i ragazzi delle scuole primarie e secondarie, ed è un segnale forte, soprattutto ora che le scuole soffrono per la mancanza di fondi. Ma il sindaco vuole seguire i nuovi istinti ecologisti, approfittare del momento di sensibilità dell’opinione pubblica.
E si vuole anche anticipare le nuove regolamentazioni europee, che prevedono di vietare la plastica monouso dal 2021. Verranno bandite le posate e i piatti, i bicchieri e altri prodotti usa e getta, che rappresentano più dell’80% dei rifiuti che finiscono in mare.

L’Unione Europea, da cui proviene questo dato, vuole dare una svolta ecologica al vecchio continente. Il WWF conferma che oltre cento milioni di tonnellate di plastica finiscono nell’ambiente e non vengono riciclati. Con la nuova direttiva verranno vietati il 70% dei prodotti che finiscono in mare come rifiuto.

Solo due terzi della plastica, nel mondo, viene riciclata, secondo il WWF, e ora si vuole dare un taglio al sistema, che produce ma non si cura delle conseguenze sull’ambiente.

Tornando al piccolo mondo di Castiglione Cosentino, secondo il Comune si eviteranno 25mila bottiglie di plastica nei rifiuti, con le nuove borracce. E il sindaco ha già promesso di vietare i piatti, le posate e i bicchieri non biodegradabili.

Le borracce intanto, sono state già consegnate, per tutelare la salute dei cittadini di Castiglione, e l’ambiente nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>