Greenpeace denuncia Procter & Gamble: distrugge l’habitat naturale delle tigri per fare lo shampoo

di Diletta Funaro 103 views0

Greenpeace , dopo un anno di intense indagini, lancia un allarme preoccupante: la Procter & Gamble utilizza olio di palma acquistato da aziende responsabili della deforestazione in Indonesia, per produrre shampoo. Si tratta di una e vera propria emergenza perché le foreste in questione, sono un habitat naturale della tigre di Sumatra e dell’orango.


Secondo l’indagine di Greenpeace, la scomparsa delle foreste indonesiane, ad una velocità pari a circa nove piscine olimpioniche al minuto, è da attribuire alle attuali politiche di approvvigionamento di olio di palma. Infatti, sembra che Procter & Gamble, Reckitt Benckiser, Palmolive e Colgate utilizzino questo tipo di olio che deriva da un processo che di ecologico ha ben poco: conversione di foreste torbiere ed incendi forestali. L’olio di palma, nello specifico, è un ingrediente solitamente usato per shampoo e detersivi.
Esperanza Mora, responsabile della campagna Foreste di Greenpeace Italia ammonisce la Multinazionale:

La Procter & Gamble deve smettere di far arrivare nelle nostre docce prodotti che causano la distruzione della foresta pluviale e garantire ai propri consumatori prodotti che rispettino uno dei più importanti polmoni del Pianeta. La multinazionale dovrebbe seguire l’esempio di aziende come Ferrero, Unilever, Nestlé e L’Oréal, che si sono già impegnate a ripulire le loro filiere dell’olio di palma da fornitori controversi.

Le indagini condotte da Greenpeace si sono concentrate sulle proprietà del Gruppo Plantation BW, uno dei fornitori di Procter & Gamble, ed hanno prodotto risultati preoccupanti:

  • uccisione di oranghi
  • allestimento di cimiteri animali in aree confinanti con il Parco Nazionale Tanjung Puting
  • utilizzo di pratiche brutali per allontanare altri oranghi dalle coltivazioni

Negli ultimi mesi Greenpeace Italia ha cercato un confronto diretto con la Procter & Gamble e senza fornire le dovute spiegazioni, la Multinazionale si è trincerata dietro un semplice comportamento di greenwashing. La gravità di questo comportamento, oltre al danno ambientale di inestimabile valore, risiede nel rendere automaticamente anche i consumatori complici, seppur inconsapevoli.

Non ci sono più scuse né tempo da perdere, la Procter & Gamble e le altre aziende, devono necessariamente intervenire prendendo esempio dai grandi produttori di olio di palma come Palm Oil Innovation Group, GAR e Wilmar che stanno dimostrando come si possa produrre olio senza danneggiare l’ambiente e chi vi abita.
Serve un impegno concreto, scegliendo fornitori che coltivano olio di palma in modo sostenibile.

Guardate qui la nostra gallery (attenzione, alcune immagini potrebbero urtare la sensibilità)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>