Come riutilizzare l’acqua della pasta e il caffè

di Redazione 171 views1

Gli italiani non possono fare a meno di due cose: di un buon caffè e di un bel piatto di pasta. Siamo soliti mangiarne almeno un piatto al giorno, ma forse non avevate mai pensato al fatto che l’acqua della pasta e anche il caffè possono essere riutilizzati in modo alternativo e, soprattutto, ecologico.

Acqua della pasta

L’acqua della pasta contiene amidi e sali minerali e può avere anche una lunga conservazione, si può riutilizzare nei modi più impensabili e non solamente in cucina. Per quanto riguarda quest’ultimo settore, si può usare per allungare brodi o sughi, ma anche per preparare il brodo stesso per una zuppa e non solo, anche per mettere i legumi in ammollo o per preparare l’impasto di pizza e pane. L’unica cosa da tenere in considerazione è la presenza del sale, quindi bisogna stare attenti a non aggiungerne dell’altro nell’impasto. In molti sono soliti buttarla via subito dopo aver cucinato, ma l’acqua della pasta è ottima per lavare i piatti dopo aver mangiato, è un efficiente sgrassatore, se c’è un piatto o un tegame particolarmente incrostato, si può lasciare in ammollo con l’acqua da riutilizzare e, come se non bastasse, se si mantiene in frigo, con l’aggiunta di uno sciroppo gustoso si può anche ottenere una bevanda rinfrescante. L’uso più alternativo che si possa fare dell’acqua di cottura è per il pediluvio, basta aggiungere un tocco di olio essenziale.

Caffè

Anche il caffè si può riutilizzare nei modi più disparati, una delle proprietà è quella di eliminare i cattivi odori: si può usare sulle mani, quando magari sanno di aglio o cipolla, basta sfregarne un po’, ma va bene anche per eliminare gli odori dal frigorifero. In questa stagione il caffè è particolarmente utile per tenere alla larga le formiche, basta lasciare i fondi di caffè nei punti “strategici” e loro non si avvicineranno. Oltre che per le formiche, il caffè ha un’ottima funzione da antipulci, dopo aver fatto il bagno al cane bisogna strofinarlo sul pelo e, una volta asciutto, spazzolare. L’odore terrà lontani gli insetti. Chi ha una compostiera in casa, sa bene che i fondi di caffè vanno benissimo e che funzionano anche da fertilizzante per le piante, lo stesso vale per il caffè avanzato, anziché buttarlo via si può dare alle piante.

Il caffè può essere utilizzato anche sul nostro corpo, come scrub naturale, ne basta un cucchiaio mescolato ad un po’ di olio di oliva per un massaggio da fare prima della doccia. La polvere di caffè, insieme all’olio di mandorle dolci e di oliva, è una soluzione per ridurre la cellulite, il grande dilemma delle donne. Un massaggio da fare prima della doccia, impacco da lasciare sulla zona scelta (cosce o glutei) per 30 minuti, avvolto nella pellicola. Il caffè ha effetti positivi anche sui capelli, quello avanzato può essere diluito con dell’acqua e poi spruzzato come una lacca. Va lasciato riposare per 20 minuti prima di risciacquare, se avrete costanza e seguirete il procedimento una volta a settimana, i capelli ne trarranno benefici.

Photo Credits | Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>