Mutazioni genetiche dopo Fukushima: le farfalle nascono deformi

di Redazione 1.068 views0

L’11 marzo 2011 il Giappone veniva travolto dal disastro nucleare della centrale di Fukushima, che ha avuto conseguenza praticamente in tutto il mondo, ma soprattutto sul territorio. Anche se il Governo nipponico cerca di non allarmare la popolazione, la situazione è sicuramente più grave di quel che noi pensiamo.

Uno dei primi dati allarmati riguarda le mutazioni genetiche: sarebbe stato davvero impossibile non pensare a conseguenze del genere visti i danni causati a Fukushima, infatti sono state pubblicate le prime immagini di alcune farfalle nate deformi.

I risultati arrivano dalla Ryukyu University di Okinawa e dimostrano che tre generazioni di farfalle trovate vicino alla centrale nucleare di Fukushima sono nate con mutazioni genetiche perché esposte a radiazioni nucleari quando erano ancora delle larve e sono nate con gli occhi deformati e le ali molto piccole rispetto alle farfalle normali. Il 18% della prole della specie blu d’erba presenta anomalie, ma il rischio è che ad essere colpite non siano solo le farfalle ma anche tutti gli altri animali esposti alle radiazioni sul territorio. Subito dopo il disastro sono morti moltissimi animali, ma le conseguenze di quello che è accaduto si protrarranno ancora a lungo nel tempo.

Appena dopo il disastro avvenuto nella centrale di Fukushima, una nube radioattiva ha colpito anche l’Italia. A causa dell’uscita di vapore bianco da alcuni reattori, anche il mare è stato inevitabilmente contaminato. Se la nube è arrivata fino in Italia è quasi impossibile immaginare e quantificare i danni che realmente sono stati causati sul territorio giapponese. Dopotutto, abbiamo visto cos’era accaduto con il disastro di Chernobyl, il più grave incidente della storia del nucleare. Anche in quel caso una nube aveva raggiunto il nostro Paese, ma la contaminazione aveva raggiunto anche Francia, Scozia, Inghilterra, Germania. Moltissimi cavalli sul territorio bielorusso sono morti a causa della tiroide, senza contare i moltissimi animali nati con malformazioni, ma queste ultime purtroppo hanno colpito anche gli esseri umani: tumori di ogni genere, soprattutto alla tiroide, sterilità e aborti ma anche comportamenti sociali deviati, alcolismo, tossicodipendenza e alti tassi di suicidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>