Giornata mondiale dei vegetariani: 6 milioni di italiani dicono no alla fiorentina

di Blogger 32 views0

Il 1 ottobre è stata la giornata mondiale del vegetarismo. “Solo il 20% della popolazione mondiale ha regolare accesso alle risorse alimentari -sottolinea Ilaria Ferri, direttore scientifico dell’Enpa- mentre il 26% della superficie terrestre è letteralmente invaso dagli allevamenti, ai quali è imputabile l’emissione del 18% dei gas serra, la distruzione di milioni di ettari di foreste e la perdita di biodiversità, nonchè la produzione annua di 1.050 miliardi di tonnellate di deiezioni“.

Quante risorse per gli allevamenti?
Per mantenerli si sperpera una grandissima quantità di risorse. Occorrono più di 16 chili di foraggi per produrre un chilo di carne. Inoltre – aggiunge Ferri – stando a quanto riferito dalla Fao, occorrono circa 15mila litri di acqua per produrre un chilo di carne e appena 2mila per ottenere la stessa quantità di grano“.

I benefici del vegetarismo
Ma non è soltanto una questione economica. Il vegetarismo, infatti, allunga la vita e ne migliora la qualità. Una ricerca inglese durata 12 anni, che ha interessato un campione di oltre 60mila persone ed è stata pubblicata sul British Journal of Cancer, ha dimostrato che i vegetariani hanno meno probabilità di ammalarsi di tumore rispetto a chi mangia carne. I risultati sono impressionanti: i vegetariani hanno il 45% di probabilità in meno di sviluppare il cancro del sangue (leucemia e altri tipi) e il 12% di probabilità in meno di manifestare un qualsiasi tipo di tumore. Secondo lo studio chi consuma molta carne, due volte al giorno, per esempio (un panino col prosciutto a pranzo e una bistecca a cena), vede aumentare del 35% il rischio di ammalarsi di cancro all’intestino“, aggiunge Ferri.

La carne fa male alla salute
A molti può sembrare strano ma la carne può essere un nemico della nostra salute. Sono numerosi gli studi che hanno dimostrato l’esistenza di una stretta correlazione tra un regime alimentare a forte contenuto di grassi saturi di origine animale e molte patologie, tra cui il cancro. I vegetariani, invece, non solo non vengono colpiti dai tumori dell’apparato digerente, ma sono meno soggetti anche ad altre alle malattie come diabete, trombosi, osteoporosi, artrite, malattie renali, obesità e ipertensione. La dieta vegetariana, inoltre, contribuisce a mantenere pulite le nostre coronarie e, di conseguenza, a prevenire il 97% delle cardiopatie“, prosegue Ferri.

In Italia 6 milioni di vegetariani
Il consumo di carne in Italia ed Europa continua a essere prevalente, tuttavia il numero di persone che si convertono al vegetarismo cresce di anno in anno. E proprio al nostro Paese, che conta oltre 6 milioni di vegetariani (dati Eurispes 2006), pari a circa il 10% della popolazione, spetta il primato di nazione meno carnivora d’Europa, secondo un trend che dal 2002 al 2006 ha visto raddoppiare quanti hanno rinunciato alla fiorentina“, continua Ferri.

Il sorpasso dei vegetariani
Se questa linea di tendenza dovesse proseguire – conclude Ferri – entro la meta’ del secolo, come pronosticato dall’Eurispes, dovremmo assistere allo storico sorpasso dei vegetariani; un sorpasso che contribuira’ certamente a salvare centinaia di milioni di animali innocente, ad allungare la vita e a migliorare la salute del pianeta e delle persone“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>