Bitcoin: dannosi per l’ambiente quanto trivellazione e produzione di carne

di Roberto Staiano 247 views0

Mentre il valore della moneta digitale continua a precipitare, gli investitori eco-consapevoli anche potrebbero essere scoraggiati un nuovo studio mostra come Bitcoin poiché ad alta intensità energetica, con un impatto sul clima tanto quanto l’estrazione del petrolio e la produzione di carne bovina. Il coautore dello studio, il professor Benjamin Jones dell’Università del New Mexico, ha dichiarato: “A livello globale, l’estrazione o la produzione di Bitcoin utilizza quantità di elettricità, principalmente da combustibili fossili, come carbone e gas naturale. Questo sta causando enormi quantità di inquinamento atmosferico ed emissioni di carbonio, che stanno avendo un impatto negativo sul nostro clima globale e la nostra salute. Mentre il valore della moneta digitale continua a precipitare, gli investitori eco-consapevoli potrebbero anche essere scoraggiati poiché un nuovo studio mostra come Bitcoin sia ad alta intensità energetica, con un impatto sul clima tanto quanto l’estrazione dell’oro e la produzione di carne bovina“ Il coautore dello studio, il professor Benjamin Jones dell’Università del New Mexico, ha dichiarato: “A livello globale, l’estrazione o la produzione di Bitcoin utilizza enormi quantità di elettricità, principalmente da combustibili fossili, come carbone e gas naturale. Questo sta causando enormi quantità di inquinamento atmosferico ed emissioni di carbonio, che stanno avendo un impatto negativo sul nostro clima globale e sulla nostra salute.

Il progetto di ricerca ha esaminato come Bitcoin danneggia l’ambiente con tre criteri principali, tra cui se il danno climatico stimato cresce nel tempo, se i danni climatici di Bitcoin superano il prezzo di mercato e come il danno climatico come quota del prezzo di mercato rispetto ad altri settori e settori. I risultati hanno mostrato che le emissioni di carbonio dell’estrazione di Bitcoin sono aumentate di ben 126 volte, da 0,9 tonnellate per moneta nel 2016 a 113 tonnellate per moneta nel 2021.

I danni climatici per Bitcoin sono stati in media del 35% del suo valore di mercato tra il 2016 e il 2021. Questo è stato inferiore ai danni climatici rispetto al valore di mercato dell’elettricità prodotta dal gas naturale (46%) e della benzina prodotta dal petrolio greggio (41%). Tuttavia, era quasi allo stesso livello della produzione di carne bovina, che rappresenta il 33% ed è molto più dannosa dell’estrazione dell’oro (4%).
Mentre i ricercatori chiedono che la criptovaluta diventi più sostenibile, sembra che il peggio debba ancora venire. Il coautore dello studio, il professor Robert Berrens, ha dichiarato: “Riteniamo che tali sforzi sarebbero aiutati da segnali empirici misurabili relativi a danni climatici potenzialmente insostenibili, in termini monetari. Ha aggiunto: “Non troviamo prove che il mining di Bitcoin stia diventando più sostenibile nel tempo. Piuttosto, i nostri risultati suggeriscono il contrario: l’estrazione di Bitcoin sta diventando più sporca e più dannosa per il clima nel tempo. In breve, l’impronta ambientale di Bitcoin si sta muovendo nella direzione sbagliata“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>