Anche l’alta moda punta alla sostenibilità: l’esempio di Gucci

di Redazione 21 views0

Adottare delle pratiche che si possano considerare realmente sostenibili è diventato ormai l’obiettivo delle grandi aziende, come Gucci, ma non solo. Questo approccio è entrato a far parte anche di un settore in cui, effettivamente, l’attenzione nei confronti dell’ambiente dovrebbe sempre essere alta ma per molti anni non è stato così.

Parliamo dell’alta moda e delle maison di lusso, che oggi hanno iniziato a sposare la causa della sostenibilità. Uno dei migliori esempi in tal senso arriva da un brand tutto italiano: Gucci, che non ha solo mantenuto la promessa di ridurre il proprio impatto ambientale, ma lo ha fatto con ben quattro anni di anticipo.

Anche il fashion luxury dunque è ormai sempre più attento all’ambiente e questo è un fattore estremamente positivo. Non si punta più solo all’estetica e all’apparenza, ma anche a quello che c’è dietro a ogni capo, in termini di materiali, tessuti e metodi di produzione.

Gucci è il luxury brand amatissimo dai VIP e non solo

Gucci rimane uno dei marchi d’alta moda made in Italia più amati di sempre, e con questo passo in avanti si è reso portavoce di una filosofia che non può che fargli onore.

 Un brand che anche nel 2021 ha riscosso un successo enorme: chi non ha sognato di poter indossare le espadrillas Gucci questa estate? Certo, sempre di alta moda stiamo parlando e non tutti decidono di fare questo passo per un paio di scarpe o per un abito. Ma sicuramente chi decide di fare questa scelta non si tira indietro di fronte a un capo firmato Gucci!

Adesso, con il suo impegno nei confronti della sostenibilità ambientale il luxury brand ha conquistato ancora più terreno. Sono diversi i VIP che hanno scelto Gucci proprio per questo motivo, perché d’altronde indossare un capo sostenibile al giorno d’oggi è un vero e proprio vanto, di cui andare decisamente fieri.

Gucci ha ridotto l’impatto ambientale del 44%

Gucci ha condiviso di recente il suo primo Impact Report, che rientra nel più ampio progetto Equilibrium e che illustra i traguardi raggiunti dal brand d’alta moda a oggi. Sono dunque i dati che parlano e dobbiamo proprio ammetterlo: in quanto a sostenibilità il marchio fiorentino merita davvero un applauso.

L’impatto ambientale totale è infatti stato ridotto del 44%, mentre per quanto riguarda nello specifico le emissioni di gas serra, si è arrivati a un -47%. Risultati che nel progetto di Gucci si dovevano raggiungere entro il 2025 e che quindi sono stati ottenuti con ben quattro anni di anticipo.

L’impegno dell’azienda però non si esaurisce di certo qui: Gucci punta a diventare il luxury brand italiano più sostenibile anche se a dire il vero lo è già adesso. La speranza è che sia da esempio per tutte le altre aziende del settore, che dovrebbero comprendere appieno i vantaggi derivanti da una filosofia sostenibile e sposare questa causa.

Gli stessi clienti sono sempre più attenti a questi aspetti e nel prossimo futuro quello che adesso è considerato un trend sarà la normalità. Ridurre l’impatto ambientale, come già ha fatto Gucci, significa fare la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>