Cresco Award 2016, quali sono le città più sostenibili

di Maris Matteucci 144 views0

Quali sono le città più sostenibili di Italia? Quelle che eseguono una miglior raccolta differenziata, che risparmiano energia, che riducono gli sprechi grazie al riciclo? Il premio Cresco Award 2016 – che si occua proprio di valorizzare il lavoro di alcuni comuni rispetto ad altri va a apannori e Lucca, Cantù, Spezia, Castel del Giudice, Milano e Malegno.

Al riconoscimento, promosso da Fondazione Sodalitas con Anci, hanno partecipato 340 Comuni. Nell’ambito del Cresco Award sono stati assegnati anche altri dieci Premi Impresa istituiti da altrettante aziende che hanno scelto di sostenere l’iniziativa per affermare la centralità della collaborazione tra impresa e territorio.

SACCHETTI DI PLASTICA TRASFORMATI IN MATERASSI, L’IDEA È AMERICANA

Ecco alcuni dei riconoscimenti consegnati alle città che fanno della sostenibilità una importante base di partenza per un futuro a basso impatto ambientale. Il premio Il Comune più Smart è andato alla città di Brescia, il premio Salute Sostenibile ad Abbiategrasso. Il premio Economia circolare e condivisa a Milano; Enel ha assegnato il premio L’innovazione sostenibile dei servizi energetici in ambito urbano a Palermo. Adriana Spazzoli, presidente di Fondazione Sodalitas ha parlato a margine dell’evento tutto dedicato alla importanza di una vita sostenibile e di misure atte a permettere anche di vivere una esistenza più green.

LO STADIO IN PLASTICA RICICLATA DI TAIWAN

Con il Cresco Award abbiamo voluto testimoniare quanto sia fondamentale puntare su alleanze efficaci tra comuni e imprese quando questo succede, allora è davvero possibile pensare e realizzare nuovi modelli di sviluppo dei territori, per renderli più intelligenti, più sostenibili, più inclusivi

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>