Animali in via di estinzione, la soluzione arriva dalla genetica

di Redazione 435 views0

Sono tante le specie animali che corrono il rischio di scomparire. Secondo le ultime ricerche, sarebbe a rischio circa il 15/40% delle specie che oggi sono già considerate a rischio, prevalentemente a causa dell’azione dell’uomo e dell’inquinamento. Ma una soluzione potrebbe esserci, anche se ha delle fotti implicazioni etiche.

In pratica, si tratterebbe di intervenire sul DNA delle specie attualmente in estinzione per rendere gli animali adatti a vivere anche in ambienti che non sono i loro habitat naturali. La proposta è stata fatta da Michael Thomas, che ha spiegato in un lungo articolo pubblicato su Nature il suo programma anti-estinzione.

Per Thomas e per gli studiosi che hanno contribuito alla nascita di questa idea, l’unica via possibile per salvare gli animali in via di estinzione è la loro modificazione genetica, in quanto con il passare del tempo ci saranno sempre meno luoghi adatti ad ospitare animali, soprattutto le specie che vivono in habitat molto specifici e delicati.

Il programma anti-estinzione consisterebbe in una ibridazione tra le specie più resistenti e quelle più delicate, in modo anche queste ultime possano sviluppare le capacità di sopravvivenza e adattamento degli ibridanti. La modificazione genetica è stata già utilizzata per migliorare la produttività e la resistenza di piante come i pomodori, ma finora non si è mai intervenuto in tal senso sugli animali.

Ed è questo il punto focale dalla questione: quali potrebbero essere gli effetti del’ibridazione tra animali? Per alcuni studiosi uno dei primi effetti potrebbe essere la comparsa di nuove specie, delle quali non si può prevedere l’impatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>