La fine del mondo sarà tra due milioni di anni

di Redazione 67 views0

Possiamo metterci l’anima in pace. Dopo aver superato indenni la fine del mondo prevista dai Maya nel 2012, possiamo non preoccuparci più anche di questo pericolo: secondo un recente studio la prossima fine del mondo sarà nel 2000002013, quindi tra due miliardi di anni. Nessuno di noi quindi rischierà di essere presente al momento.

Quindi, secondo quanto scoperti da un team di scienziati americani, la cui ricerca è stata poi riportata sul Telegraph, la nuova Apicalisse arriverà quando di noi non ne sarà rimasta più alcuna traccia e la colpa della morte di ogni essere vivente sulla Terra sarà del Sole. La stella che ci dà la vita sarà anche la stessa che decreterà la nostra morte.

Quando, infatti, il Sole si avvierà nella sua fase di declino, una sorta di vecchiaia, il suo ‘acciacco’ sarà un surriscaldamento che provocherà una carenza di anidride carbonica, elemento che da sempre viene considerato pericoloso ma che, come l’ossigeno, è alla fonte della sopravvivenza di molte specie vegetali ed animali. In pratica, secondo quanto dimostrato dagli scienziati americani, quando il Sole inizierà a surriscaldarsi, tra circa un miliardo di anni, ci sarà sempre meno anidride carbonica necessaria alla sopravvivenza delle piante.

Le piante saranno le prime a scomparire, poi toccherà agli animali erbivori e poi ai carnivori loro predatori. Per ultimi scompariranno i microbi e, tempo un altro miliardo di anni, si prosciugheranno anche gli oceani.

Per quanto questo studio sembri uno dei più plausibili sull’Apocalisse, ancora non si è riuscita a stabilire una data esatta: c’è chi dice che la fine del mondo sarà nel 2100, chi nel 2035 quando gli alieni Elhoim verranno a salvare 144 mila eletti e c’è anche chi ha dato come data dell’Armageddon il 13 aprile 2036 quando l’asteroide Apophis colpirà il nostro pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>