Green Economy, boom di manager verdi in Italia negli ultimi 5 anni

di matteo carriero 25 views0

Nel giro di 5 anni il numero di manager verdi in Italia ha conosciuto un boom passando 90 a 373 addetti full time nelle sole società quotate. Il numero è quindi aumentato di oltre quattro volte in cinque anni, secondo il primo interessante censimento nazionale strutturato dei manager della sostenibilità portato avanti dall’associazione Csr manager network. La green economy continua a dare grandi segnali di espansione in Italia.

La green economy avanza imperterrita nel nostro paese e cresce rapidamente il numero dei manager della sostenibilità. È boom negli ultimi 5 anni, e nelle società quotate in borsa quasi la metà di questi occupa ruoli dirigenziali con alte o altissime retribuzioni. Il primo censimento nazionale strutturato dei manager della sostenibilità del Csr manager network ci svela anche che la maggior parte di questi dirigenti dall’anima green è di sesso femminile, e la stragrande maggioranza possiede un’alta formazione. Parlando di formazione, circa la metà dei nuovi e sempre più numerosi manager della sostenibilità arrivano da percorsi di studio economici, mentre un’altra buona fetta arriva dal settore della comunicazione. Dopo la laurea un terzo ha frequentato master e specializzazioni per adempiere più precisamente al ruolo.

È di grande interesse notare come il boom che ha visto moltiplicarsi i manager verdi in Italia (paese leader entro diversi settori della green economy) sia stato ben recepito dagli istituti formativi pubblici e privati: i corsi di laurea dedicati al green management e alla green economy più in generale si moltiplicano in tutta la penisola, così come i master (dispendiosi e meno dispendiosi) messi a disposizione da grandi enti e grandi aziende. Come dire: la green economy è un vero volano per l’economia italiana, un volano che deve essere considerato una priorità assoluta. L’offerta formativa è ampia e valida nel nostro paese, e il numero di manager verdi è destinato a salire e salire ancora, nei prossimi anni. Speriamo in politiche capaci di tenere il passo.

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>