Amianto, ancora 34 mila siti da bonificare e 2 mila morti all’anno

di matteo carriero 1

La situazione amianto in Italia continua a essere grave. Troppo poco è stato fatto per depurare il nostro territorio dalla sostanza inquinante e fortemente cancerogena: occorre dare una scossa alle procedure di rimozione e gestione, poiché nella penisola ci sono ancora oltre 34 mila siti da bonificare e continuano a registrarsi moltissime vittime, oltre 2 mila all’anno secondo alcune stime.

L’emergenza amianto non finisce mai. Purtroppo le procedure di bonifica, nonostante la lentezza delle stesse sia stata denunciata a più riprese nel corso degli anni, sono ancora molto più indietro di quanto sarebbe necessario, ed è così che a fine 2012 l’Italia si ritrova ancora con oltre 34 mila siti da bonificare dall’amianto e con un terribile bollettino di vittime annuali, che secondo alcuni calcoli supera i duemila morti, di cui solo 900 ogni anno a causa del mesotelioma pleurico”. Oggi si apre a Venezia la seconda Conferenza governativa sull’amianto, mentre ieri a Roma si sono riunite associazioni ambientaliste e gruppi di parenti delle vittime e persone esposte. In tale occasione tutti coloro che si sono raccolti uniti dalla volontà di vedere un governo veramente attivo nella lotta all’amianto.

Nello specifico attivisti, persone colpite e relativi familiari, chiedono che venga accolta la mozione portata avanti dal senatore del PD Felice Casson, che verte sulle necessità di un urgente risanamento ambientale, nonché su maggiore sorveglianza di tipo sanitario e risarcimenti alle famiglie colpite. La speranza è che l’eco delle richieste venga udita dai partecipanti alla seconda conferenza governativa sull’amianto in programma oggi a Venezia. Perché la lotta all’amianto deve essere portata avanti con decisione estremamente maggiore, in quanto è uno scandalo, come denunciano in molti, che dopo 20 anni dall’istituzione dei piani regionali per l’amianto ancora non si sappia precisamente quanto ce ne sia in Italia, uno scandalo indicativo di quanto lavoro occorra ancora fare per correre ai ripari riguardo all’amianto.

Photo Credits | pizzodisevo su Flickr

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>