Green Hill: sequestrata la struttura degli orrori

di Redazione 132 views2

Dopo gli orrori della vivisezione denunciati dagli animalisti, i beagle prigionieri di Green Hill sono stati finalmente liberati e adesso si procede con il sequestro della struttura.

L’azienda si trova a Montichiari, in provincia di Brescia, la struttura è stata interamente sequestrata così come i beagle destinati alla vivisezione. Lo scorso aprile l’allevamento è stato oggetto di un’incursione ad opera di decine di persone che hanno portato via i cuccioli di beagle destinati a morte certa a causa degli esperimenti che avrebbero effettuato su di loro in quanto cavie da laboratorio.

E’ il Corpo Forestale dello Stato ad occuparsi, al momento, del sequestro di Green Hill, insieme al Nucleo investigativo per i reati in danno agli animali (NIRDA) e al personale della Procura di Brescia. La struttura conta quattro capannoni e uffici per cinque ettari di territorio, adesso sequestrato con l’accusa principale di maltrattamento degli animali.

Dopo tutto il silenzio che ha fatto passare inosservati i maltrattamenti subiti dai cuccioli di beagle all’interno della struttura, dopo le incursioni dello scorso aprile quello di Green Hill si era trasformato in un caso internazionale. Allora sono stati arrestati 12 attivisti, che tuttavia erano riusciti a portare in salvo molti dei cagnolini.

L’azienda di Green Hill vivisezionava circa 250 beagle al mese, dati terrificanti se si pensa a tutte le torture subite dai cuccioli durante gli esperimenti. Ormai da diverso tempo gli animalisti si battono contro le sperimentazioni sugli animali, sull’argomento era intervenuta anche la celebre attrice Brigitte Bardot, che da anni si batte per la causa animalista, chiedendo provvedimenti immediati. A nulla sono valse le difese di Green Hill, che ha dichiarato di svolgere un’attività legale in nome del progresso nel campo della medicina e della scienza. Ma si sa, le soluzioni alternative ad oggi, proprio grazie a quel progresso, non mancano e adesso la struttura di Green Hill rimarrà un brutto ricordo ed un esempio da non tenere mai in considerazione.

Photo Credits | Thinkstock

 

Commenti (2)

  1. salve sarei inreressato ad adottare uno dei cuccioli liberati sapete cm posso fare spero in una vostra risposta distinti saluti ignazio

  2. La notizia è proprio di oggi, i cuccioli per il momento non si possono adottare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>