A Shenzen arrivano i taxi elettrici

di Redazione 46 views2

La Cina deve fare i conti con l’inquinamento, tra smog e traffico le condizioni del Paese sono davvero critiche, ma a Shenzen si stanno già prendendo provvedimenti per far sì che le cose prendano un’altra piega ed è nata “un’armata” di taxi elettrici per combattere lo smog.

A Shenzen il traffico è tra i peggiori al mondo, quindi è facile immaginare che i livelli di inquinamento siano davvero molto alti. La città fino a pochi anni fa era molto povera, oggi conta oltre dieci milioni di abitanti. Dall’aprile del 2010 esistono 50 taxi elettrici che in un solo anno di circolazione hanno permesso di ridurre le emissioni di un milione di chili, con i loro quasi tre milioni di chilometri percorsi.

Le auto ovviamente provengono da un’azienda cinese, prodotta dalla BYD Automobile Co, il modello utilizzato è la E6, crossover a 5 posti e 75kW con batterie al litio-ferro-fosfato. Queste ultime permettono un’autonomia fino a 250 km e si ricaricano ad una velocità incredibile, basta solamente mezz’ora, e permettono alla macchina di raggiungere una velocità di 140 km/h.

Come se non fosse sufficiente, i tassisti sono più che soddisfatti delle performances della vettura, capace di resistere anche nelle difficili condizioni climatiche della zona, destreggiandosi tra estati estremamente afose ad inverni incredibilmente freddi. In più, la E6 ha consentito un ampio rispamio di benzina, fino ad 800 euro al mese, che non è una cifra da lasciar passare inosservata. A questo punto, per il momento solo a Shenzen, si sta seriamente pensando di procurare le stesse auto anche per la pubblica amministrazione e di “aggiornare” le pompe di benzina per le auto elettriche. Si tratta di un’ulteriore dimostrazione del fatto che le auto elettriche possano rappresentare una risorsa molto importante per il futuro, restringendo il campo ai taxi, pensate a quanto si potrebbe risparmiare, sia dal punto di vista economico che in termini di emissioni di CO2, in un solo anno, se già solo nelle grandi città italiane i taxi fossero rimpiazzati.

Photo Credits | Thinkstock

 

Commenti (2)

  1. Sarebbe sempre ora! Certo da noi non c´è l´inquinamento che c´è in Cina, però non sarebbe comunque una cattiva idea. Mi sa che la Cina presto sarà se non altro per necessità all´avanguardia per quanto riguarda progetti ecologici/a bassa emissione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>