Pannelli solari per tutti. I gruppi di acquisto fotovoltaico

di roberto bosio 40 views0


Il nome con cui sono conosciuti è Gruppi di Acquisto Fotovoltaico. Il nome o la relativa sigla – GAF – servono per definire un insieme di soggetti che si uniscono per comprare – da qui il nome di gruppi di acquisto – dei pannelli solari ad un prezzo inferiore a quello che riuscirebbero ad ottenere se si presentassero da soli sul mercato.

Ce ne sono in tutta Italia, il più conosciuto, ed il più grande – è quello creato da

    Jacopo Fo – c’è pure una mappa con tutti gli impianti già installati -, ma ce ne sono anche a Corsico, Pescara, Feltre… – ancora una volta sono concentrati soprattutto al nord ed al centro della penisola.

    I vantaggi economici collegati a questo investimento sono chiari: i soldi investiti vengono recuperati in un periodo di tempo compreso tra gli otto e i dodici anni – dipende da dove sorge l’impianto -, e complessivamente i pannelli hanno una vita media di 25 anni, ma possono durare tranquillamente più di trenta.

    Una famiglia di tre persone con un consumo annuo di 3.000 kWh – per una spesa pari a circa seicento euro nel 2009 – e un aumento previsto della bolletta del 3% per i prossimi vent’anni, con una parte del tetto esposta a sud, e uno spazio di 20 metri quadrati, può risparmiare tra il 10 ed il 20% rispetto ad una famiglia che non ricorre ai GAF per comprare l’impianto – per un guadagno di circa 20.000 euro nei venti anni di vigenza del Conto Energia.

    Tutti possono creare un Gruppo di Acquisto Fotovoltaico: bisogna trovare un rivenditore interessato e poi trovare il modo per far conoscere il proprio progetto e raccogliere adesioni – magari cercando consiglio da chi ha già fatto questa esperienza. Questo, ovviamente, vale se si vive in una zona non coperta da altri gruppi di acquisto fotovoltaico.

    Bisogna affrettarsi, perché gli incentivi messi a disposizione con il conto energia diminuiranno progressivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>