I granchi invadono l’Antartico

di roberto bosio 187 views1

Il granchio reale è un crostaceo dalla carne succulenta – per questo è molto costoso e ricercato. Generalmente viene pescato nel distretto di Norton e nella baia di Bristol, in Alaska, oltre che in Russia.

Sembra che sia stato introdotto negli anni sessanta nel nord-ovest della regione russa, dopo il fallimento di un altro tentativo di diffusione della specie negli anni trenta. Da allora la popolazione di questo crostaceo si è moltiplicata – gli esperti non ne conoscono i motivi – fino a raggiungere i milioni di esemplari.

Secondo alcuni questa specie ed altre affini, potrebbero arrivare ad invadere le coste atlantiche fino allo Stretto di Gibilterra – visto anche che non hanno predatori naturali. Per ora però si “limiterebbe” ad invadere i fondi marini dell’Antartico – e questo crostaceo rappresenta un reale minaccia per l’ecosistema, visto che scava il suolo per cercare uova, vermi e piccoli animali di cui si nutre, e potrebbe arrivare persino a modificare la catena alimentare.

Questo allarme è arrivato da uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society ad opera di biologi dell’Università delle Hawai e Manoa. i loro lavori hanno rivelato che il riscaldamento climatico incoraggia lo sviluppo della specie e la sua propagazione sui fondi marini dell’Antartico. Diretto dalla ricercatrice Laura Grange, il gruppo ha realizzato le sue osservazione grazie all’aiuto di un robot a Palmer Deep, un bacino dalla profondità superiore ai 1.400 metri.

l’osservazione ha riguardato due chilometri del fondo. Sono stati avvistati complessivamente 42 granchi viventi. Sono stati recensiti a circa 850 metri sotto il livello del mare, ad una profondità a cui si supera di poco la temperatura di un grado centigrado. Nessun grancio è stato avvistato a profondità inferiori, probabilmente perché l’acqua è più fredda.

Secondo le stime dei ricertori nei prossimi dieci-vent’anni, la polazione di questo crostaceo dovrebbe moltiplicarsi arrivando al milione e mezzo di esemplari, questo perché il granchio reale ora è limitato delle temperature fredde, ma il riscaldamento globale dovrebbe cambiare la situazione.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>