Parco del Trasimeno: Il Centro Ittiogenico

di Redazione 66 views0

Il Centro Ittiogenico dell’area protetta del Parco del Trasimeno, gestito dalla Provincia di Perugia, ubicato a Sant’Arcangelo e situato sulle rive del lago Trasimeno, si dedica all’allevamento del luccio, della carpa, della tinca, del persico reale e del persico trota. Il materiale ittico prodotto nell’impianto dell’area protetta del Parco del Trasimeno è principalmente utilizzato per il ripopolamento del lago Trasimeno. L’impianto è alimentato da acqua del lago pompata in una vasca di carico in cemento e da questa distribuita per gravità sia nelle vasche in terra di allevamento, sia all’avannotteria.

Due settori distinti
L’impianto del Centro Ittiogenico dell’area protetta del Parco del Trasimeno è diviso in due settori distinti: una avannotteria coperta ed un settore esterno con vasche in terra. Nell’avannotteria vengono effettuate la riproduzione, l’incubazione delle uova e la prima fase dell’allevamento, nonchè una breve stabulazione dei riproduttori e del prodotto finito prima delle semine. E’ il settore a più alta tecnologia ed è principalmente occupato da vasche in vetroresina, bottiglie di incubazione delle uova e impianti di filtraggio dell’acqua, captata dal lago tramite pompaggio. Nell’avannotteria sono anche ospitati i quadri di controllo dei vari sistemi di pompaggio, il magazzino e l’officina.

Tre vasche in terrea
Il settore esterno è invece costituito da tre vasche in terrea per i riproduttori, da 11 vasche in terra per l’accrescimento degli avannotti e da 6 vasche in cemento. Prima che le acque utilizzate nell’impianto ritornino al lago attraversano una vasca di lagunaggio e decantazione. L’attività è a ciclo completro, prevedendo la produzione tramite fecondazione artificiale di uova e quindi di avannotti, che vengono accresciuti fino alla taglia richiesta di 5-10 cm.

Attività produttiva stagionale
L’attività produttiva, tipicamente stagionale, inizia nel mese di febbraio con la riproduzione del luccio, i riproduttori sono prevalentemente di cattura e quindi provenienti del lago Trasimeno. Le uova sono incubate all’interno dell’avannottiera e gli avannotti vengono successivamente immessi nelle vasche esterne nel mese di marzo dove si alimentano con plancton appositamente allevato. La raccolta dei lucci, a cui fa subito seguito la semina nel lago, avviene a fine aprile alla taglia di 6-8 cm. Nei mesi di maggio e giugno viene effettuata la riproduzione delle altre specie utilizzando riproduttori stabulati all’interno dell’impianto.

Attività di monitoraggio
La capacità produttiva media del Centro, con possibili fluttuazioni annuali, è di circa 200.000 avannotti di luccio, 400.000 carpe, 600.000 tinche, 50.000 persici reali e 50.000 persici trota. Il Centro svolge anche anche un’importante attività di monitoraggio delle specie ittiche di tutto il territorio provinciale e di ricerca e sperimentazione nel settore dell’acquacoltura e della pesca professionale anche in collaborazione conla Regione Umbria e con Istituti Universitari.
Per maggiori informazioni visitate il sito web del Parco del Trasimeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>