Temi ambientali: tanti scandali e poca scienza

di Blogger 8 views0

Di ambiente se ne parla e scrive tanto dappertutto. Non c’è dubbio. Le cronache di queste giorni ne sono un esempio con l’emergenza rifiuti a Terzigno, in Campania. Ma quanto c’è di scientifico nel modo in cui vengono trattate le tematiche ecologiche? Poco. “Purtroppo si è attratti dagli aspetti scandalistici delle vicende” commenta all’ADNKRONOS, Rosanna Zari, vicepresidente Conaf, il Consiglio dell’ordine nazionale dei dottori agronomi e forestali aggiungendo: “il vivere nell’ambiente, l’agricoltura e altri aspetti che sono pur importanti per l’economia del paese non sono alla ribalta delle cronache”.

L’esigenza di temi più approfonditi
Ad esempio, pur essendo un paese del Mediterraneo, “ci siamo accorti da poco delle opportunità del solare ma non si parla mai delle problematiche relative all’installazione dei pannelli su edifici storici o in aperta campagna. Procedure spesso viene bloccate dai regolamenti urbanistici”. Certi temi, dunque, “dovrebbero essere approfonditi di più magari ascoltando anche le persone interessate”.

Informazione parziale
Mentre invece a volte su queste tematiche si limitano gli interventi alle associazioni ambientaliste “che hanno la presunzione di essere gli unici a conoscere la materia”. Così, aggiunge la Zari, “è un’informazione parziale. Bisogna rivolgersi, di volta in volta, a persone competenti e non a generici esperti”. Quanto ai cittadini, purtroppo, “l’attenzione verso queste tematiche è ancora bassa. Serve un’attività di formazione a livello elementare. Introducendo l’educazione ambientale come materia scolastica”. Non solo i media, dunque, ma anche il mondo dell’istruzione.

Il Bica
E proprio le tematiche ‘green’ e in particolar modo la comunicazione ambientale sarannno di scena al Bica, la Borsa Internazionale della Comunicazione Ambientale, che si svolgerà a Roma il 26 e il 27 ottobre presso la Casa dell’Architettura. Due giornate di confronto tra istituzioni, imprese, associazioni ed esperti di comunicazione con lo scopo di far emergere le ‘best practice’ e condividere, da un punto di vista operativo, le esperienze di comunicazione ambientale più innovative ed incisive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>