Eco-fashion: le grandi marche fanno “un viaggio in discarica”

di Blogger 35 views0

Un workshop di ricerca e studio che si svolgerà sia in Africa che in Italia per il possibile riciclo di materiali. Un nuovo progetto che nasce dalla collaborazione tra Itc, International Trade Centre (agenzia del Wto e delle Nazioni Unite per la crescita commerciale di paesi in via di sviluppo) e Carmina Campus, marchio di moda nato da un’idea di Ilaria Venturini Fendi, che realizza borse, accessori, mobili utilizzando materiali di riuso e di riciclo. E’ “Un viaggio in discarica“, e sarà sicuramente destinato a far parlare di sé.

UN VIAGGIO IN DISCARICA
Il riciclo e il riuso sono una pratica comune in tante realta’ africane, portata quasi agli estremi per sopravvivere in un ambiente difficilissimo. Carmina Campus dunque ha accolto l’invito di Itc a pensare ad un progetto per i molti che vivono in queste realtà.
Itc già opera in diverse comunità marginalizzate, sia negli slum che in aree rurali di Kenya e Uganda, favorendo la creazione di piccole cooperative e la produzione di prodotti che entrano nel circuito di un commercio equo e solidale. L’idea è quella di portare in questi contesti lo specifico know-how in materia di riuso già sviluppato da Carmina Campus nella sua ricerca, per dar vita a prodotti nuovi, creativi e funzionali, sviluppati insieme alla popolazione locale.

OBIETTIVO KENYA E UGANDA
Nei prossimi mesi Ilaria Venturini Fendi visiterà alcuni slum e discariche del Kenya e dell’Uganda per individuare quali materiali possano essere riciclati e con quali procedimenti produttivi, per realizzare accessori e altri prodotti.
A marzo “andrò a portare il mio know how con il miglioramento delle lavorazioni sul loro artigianato che e’ bellissimo e che sta scomparendo visto che non hanno richiesta” spiega Ilaria Venturini. Un modo, aggiunge, “per far capire anche a queste realta’ che dei materiali, poveri, inutili possono diventare attraverso la buona manualita’ artigianale degli oggetti preziosi“.
Attraverso questa collaborazione sottolinea Simone Cipriani (Chief Technical Advisor del programma di Ethical Fashion di Itc), “vogliamo dare valore al lavoro di queste comunita’, offrendo un mezzo per uscire dalla condizione di poverta’. E Carmina Campus – conclude – e’ il primo marchio di alta moda che si interessa ad un discorso di riciclo e riuso con le comunita’ piu’ marginalizzate del pianeta“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>