Guida al riciclo: come si smaltiscono i rifiuti urbani pericolosi

di Redazione 307 views0

 Tra i rifiuti che produciamo ci sono, molte volte, rifiuti che anche se ci sembrano innocui sono altamente pericolosi poiché in fase di smaltimento possono rilasciare sostanze nocive. Questi prodotti devono essere divisi dagli altri e raccolti in appositi contenitori. Tra questi rifiuti urbani “pericolosi” rientrano le pile e le batterie esaurite, i contenitori di prodotti tossici e infiammabili, farmaci scaduti, toner e inchiostri per macchine da ufficio e olio vegetale da cucina.
Vediamo insieme come smaltire al meglio questi rifiuti e senza arrecare danno alle persone e all’ ambiente.

PILE E BATTERIE ESAURITE
Devono essere raccolte nei contenitori appositi presso i rivenditori delle stesse, a volte, anche presso alcune catene di supermercati.
Le pile e le batterie delle auto possono contenere metalli altamente inquinanti come il cadmio, il cromo, il rame e lo zinco, ma soprattutto il mercurio che con un solo grammo può inquinare 1.000 litri di acqua. Per questo motivo, pile e batterie vanno assolutamente riconsegnate al momento dell’ acquisto di pile e batterie nuove, oppure consegnate alle stazioni ecologiche.

CONTENITORI DI PRODOTTI TOSSICI E INFIAMMABILI
Appartengono a questa categoria i barattoli e altri imballaggi di prodotti tossici, corrosivi, irritanti e infiammabili come i diluenti e le vernici. Anch’ esse vanno riconsegnate alle stazioni ecologiche.

FARMACI SCADUTI
Si raccolgono in appositi contenitori presenti in tutte le farmacie.

TONER E INCHIOSTRI PER MACCHINE DA UFFICIO
I privati cittadini possono consegnarli alle stazioni ecologiche, ma esistono anche dei negozi di rivenditori che li ritirano.
Le aziende e gli uffici possono rivolgersi alle stazioni ecologiche, che provvederanno a fornire un apposito contenitore e a svuotarlo periodicamente durante l’ anno.

OLIO VEGETALE DA CUCINA
L’ olio vegetale se immesso nella rete fognaria ostacola il buon funzionamento dei depuratori e stende un velo impermeabile sopra l’ acqua. Con il corretto smaltimento può essere trasformato in materiali utili come farine vegetali e sapone.
Raccogliete l’ olio vegetale usato in un contenitore piuttosto capiente ogni qual volta lo usiate. Quando il contenitore sarà pieno basterà consegnarlo ad un centro raccolta o alla stazione ecologica.

ALTRE TIPOLOGIE DI RIFIUTI
I rifiuti ingombranti come un vecchio mobile o un elettrodomestico rotto vanno portati direttamente alla stazione ecologica. Alcune organizzazioni però effettuano anche la raccolta a domicilio.

Per gli abiti usati esistono diversi contenitori (solitamente sono di colore giallo) messi a disposizione da diverse associazioni che si occupano esclusivamente del ritiro degli abiti usati; spesso anche nelle parrocchie o in alcuni circoli ci si occupa di questa raccolta che spesso ha fini umanitari.

TUTTO IL RESTO NEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI
Dopo una corretta differenzazione rimarranno solo poche cose che potremo raccogliere in un sacchetto, che provvederemo a sigillare bene e ad inserire nel cassonetto blu per la raccolta di tutto quanto non si può ancora riciclare (indifferenziata).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>