Casa ecologica, ecco le agevolazioni nel settore edile per chi decide di risparmiare energia in Alto Adige

di Redazione 154 views0

Chi decide di acquistare una casa ecologica o vuole ristrutturare casa secondo i criteri della bioedilizia, spesso non sa di poter godere di detrazioni vantaggiose. Ecco allora una piccola guida generale alle agevolazioni concesse dallo Stato per chi vuole risparmiare energia con una casa ecocompatibile. Riprenderemo prossimamente più nel dettaglio l’ argomento, indagando di volta in volta tutte le possibilità di risparmio (non solo energetico), regione per regione e a seconda degli interventi da effettuare.
La prima cosa da sapere è che le agevolazioni concesse nel settore edile in Alto Adige si distinguono secondo tre categorie: gli incentivi provinciali per interventi di risparmio energetico; le agevolazioni provinciali per la costruzione, il risanamento o l’ acquisto della prima casa (edilizia abitativa sovvenzionata); e la detrazione IRPEF per la ristrutturazione di fabbricati (che può variare dal 36 % sino al 55%).
Vediamoli nel dettaglio…

INCENTIVI PROVINCIALI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO
La legge consente di detrarre fino al 30% delle spese documentate (Iva esclusa) per i seguenti interventi:
– Installazione di impianti di riscaldamento a minuzzoli di legno, impianti a pellets, caldaie a gasificazione di spezzatura di legna ed impianti a biogas;
– Installazione di impianti per la produzione combinata di energia elettrica e calore;
– Installazione di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria;
– Installazione di collettori solari per il riscaldamento di ambienti;
– Installazione di pompe di calore geotermiche per la produzione di acqua calda sanitaria;
– Installazione di pompe di calore geotermiche per il riscaldamento di ambienti;
– Recupero di calore da impianti di ventilazione di ambienti;
– Coibentazione di pareti esterne (realizzati con concessione edilizia antecedente il 01.01.2005);
– Coibentazione di tetti, solai ultimo piano e terrazze (realizzati con concessione edilizia antecedente il 01.01.2005);
– Installazione di apparecchiature per la contabilizzazione differenziata dei consumi di calore (concessione edilizia rilasciata prima del 19.07.1991);
– Interventi dal carattere innovativo che consentano di realizzare un risparmio minimo pari al 30% sul consumo di energia;
– Installazione di sistemi integrati di regolazione e misurazione in edifici pubblici ed in edifici di interesse pubblico;
– Realizzazione e ampliamento di impianti di teleriscaldamento.

E’ invece possibile detrarre fino all’80% (rispetto al precedente 30%) delle spese documentate, sempre IVA esclusa, per la realizzazione di:

– Impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica;
– Centrali eoliche per la produzione di energia elettrica.

Tale contributo è concesso solo per impianti situati a una determinata distanza dalla rete fissa di distribuzione. Ma attenzione: le zone servite dalle centrali di teleriscaldamento sono escluse dai contributi per l’ installazione di impianti per la generazione di calore e di impianti solari.

Ufficio provinciale competente:
Ufficio risparmio energetico, via Mendola 33,
39100 Bolzano, Tel.: 0471-414720

EDILIZIA SOVVENZIONATA
Per accedere a un contributo edilizio provinciale occorre essere in possesso di specifici requisiti: la residenza in provincia di Bolzano, certificato di lavoro, maggiore età e reddito non inferiore al minimo vitale, nessuna proprietà immobiliare.
L’ importo e il tipo di finanziamento (mutuo a interessi zero o contributo in unica soluzione) sono definiti sulla base di un’ apposita graduatoria. I criteri di assegnazione dei punti per la graduatoria includono le condizioni economiche della famiglia, il numero dei componenti della famiglia, gli anni di residenza in provincia di Bolzano, eventuale provvedimento di sfratto, l’ eventuale revoca dell’ alloggio di servizio, l’ eventuale occupazione di un’ abitazione dichiarata inabitabile o sovraffollata, la formazione di una nuova famiglia, la condizione di mutilato o invalido civile al lavoro.

Qualora l’abitazione presenti valori di consumo inferiori del 25% ai requisiti minimi di legge sul risparmio energetico (classe C = 70 kWh/m²a), il contributo provinciale sarà incrementato del 5%.

Ufficio provinciale competente:
Ufficio promozione edilizia agevolata, via Kanonikus-Michael-Gamper 1, 39100 Bolzano, Tel.: 0471-418740

DETRAZIONE IRPEF PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FABBRICATI

Per gli interventi di ristrutturazione e di manutenzione straordinaria di abitazioni ed edifici residenziali è prevista una detrazione del 36% dall’ imposta sul reddito delle persone fisiche (ripartita in 10 anni). Tale agevolazione è valida fino alla fine del 2011.

L ‘agevolazione è concessa per lavori di manutenzione straordinaria (interventi per il rinnovo e il miglioramento dell’ edificio, sostituzione di serramenti, installazione impianto di riscaldamento, realizzazione di recinzioni ecc.), lavori di recupero e risanamento (riferiti a edifici di particolare valore storico o architettonico), trasformazione edilizia e altre opere suscettibili di finanziamento (ad es. interventi per il risparmio energetico, interventi per la messa in sicurezza, ecc.) e altro ancora. Nel caso dei condomini sono finanziati anche i lavori di manutenzione ordinaria (manutenzione dell’ edificio e dell’ impiantistica).

La detrazione fiscale vale anche per l’ acquisto dei fabbricati ristrutturati da imprese di costruzioni o da cooperative edilizie.

In particolare le detrazioni riguardano:
La riqualificazione energetica di edifici esistenti, a condizione che il fabbisogno di energia primaria conseguito sia inferiore rispetto ai valori indicati dal d.lgs. del 11.03.2008. L’ agevolazione, concessa fino a un tetto massimo di 100.000 euro, va ripartita in 5 rate annuali di pari importo. Le spese devono essere documentate e riguardare lavori iniziati entro il 31.12.2010;
Gli interventi di risparmio energetico su edifici esistenti, parti di essi o unità immobiliari, a condizione che soddisfino i requisiti di trasmittanza termica (valori U). L’ agevolazione riguarda strutture fisse verticali (muri) e orizzontali (coperture, pavimenti), come pure finestre e infissi. Concessa fino a un tetto massimo di 60.000 euro, deve essere ripartita in 5 rate annuali di pari importo. Le spese devono essere documentate e riguardare lavori iniziati entro il 31.12.2010.
Questa la tabella dei valori di riferimento per la trasmittanza termica (valori U):
Elemento costruttivo Zona climatica E Zona climatica F
Strutture fisse verticali (muri) 0,34 W/m²K 0,33 W/m²K
Strutture fisse orizontali (coperture) 0,30 W/m²K 0,29 W/m²K
Strutture fisse orizontali (pavimenti) 0,33 W/m²K 0,32 W/m²K
Finestre e infissi 2,20 W/m²K 2,00 W/m²K

La sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento con un impianto dotato di caldaia a condensazione impianti geotermici a bassa entalpia o impianti con pompe di calore ad alta efficienza, e relativo adeguamento della rete di distribuzione. L’ agevolazione, concessa fino a un tetto massimo di 30.000 euro, deve essere ripartita in 5 rate annuali di pari importo. Le spese devono essere documentate e riguardare lavori iniziati entro il 31.12.2010;
L’ acquisto di pannelli solari per la produzione di acqua calda. L’ agevolazione, concessa fino a un tetto massimo di 60.000 euro, deve essere ripartita in 5 rate annuali di pari importo. Le spese devono essere documentate e riguardare lavori iniziati entro il 31.12.2010;

Per ulteriori informazioni:
Agenzia delle Entrate, via Duca d’Aosta 92, 39100 Bolzano, Numero Verde: 848800444

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>