Titanoboa, il re dei serpenti. Il ritrovamento del fossile apre le ipotesi sul cima dei tropici nel passato

di Redazione 1.137 views0

Oltre una tonnellata di peso, distribuita su 13 metri di lunghezza. Sono le misure, decisamente oversize, del Titanoboa, il serpente più grosso del mondo. Paragonabile ad un Tyrannosaurus Rex dei serpenti, secondo un’ équipe internazionale di scienziati, il re dei serpenti viveva 60 milioni di anni fa in Sud America.
La stazza del biscione giurassico è stata dedotta sulla base di ossa fossili ritrovate dai ricercatori dello Smithsonian Tropical Research Institute a Panama e del Museo di Storia Naturale dell’Università della Florida nel Cerrejon, nella Colombia del Nord.

LE MISURE DEL TITANOBOA CERREJONENSIS
Battezzato dai suoi scopritori Titanoboa Cerrejonensis, questo rettile gigante misurava 13 metri, pesava 1.140 chili e il suo corpo era largo almeno un metro – scrivono su Nature gli scienziati guidati dal paleontologo Jason Head dell’Università di Toronto-Mississauga. Messa a confronto con quella di una normale anaconda, la sua vertebra risulta enorme.

LE DEDUZIONI SUL CLIMA
Il Titanoboa viveva fra 58 e 60 milioni di anni fa, quando il mondo animale si stava ancora riprendendo dall’ estinzione di massa che fece scomparire i dinosauri e molte altre specie. A quell’ epoca, potrebbe essere stato il più grande vertebrato non marino sulla Terra.
Le sue impressionanti dimensioni danno anche indicazioni precise sulle temperature dell’ ambiente in cui viveva. “Ci sono molti modi in cui l’ anatomia di una specie è correlata con l’ambiente su larga scala“, ha spiegato David Polly, geologo dell’ Università dell’ Indiana che ha identificato la posizione delle vertebre fossili. I resti sono stati ritrovati in una miniera di carbone del Cerrejon e Polly è riuscito a ricostruire le esatte dimensioni del rettile. Per sopravvivere, stimano i ricercatori, il mega serpente aveva bisogno di una temperatura media di almeno 30-34 gradi, superiore a quella odierna in quella regione.

IN AMAZZONIA 60 MILIONI DI ANNI FA
Il Titanoboa abitava in una foresta pluviale tropicale e cacciava coccodrilli, tartarughe e pesci. Non era velenoso ed aveva uno stile di vita molto simile a quello delle anaconde dei sistemi fluviali. L’ ecosistema in cui viveva era simile a quello dell’ Amazzonia di oggi, ma più caldo. “Gli ecosistemi tropicali del Sud America erano sorprendentemente diversi 60 milioni di anni fa“, dice il paleontologo Jonathan Bloch, del Museo di Storia Naturale dell’Università della Florida. “Era una foresta pluviale ma decisamente più calda rispetto a oggi ed i rettili a sangue freddo erano molto molto più grossi rispetto quelli odierni“.

Nella spedizione al Cerrejon, gli scienziati hanno recuperato fossili di vertebre e costole provenienti da 28 esemplari diversi. Prima della scoperta del Titanoboa, il serpente più grosso noto alla scienza era Gigantophis, che viveva 39 milioni di anni fa in Egitto ed era lungo 10 metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>