LIPU e Corpo Forestale siglano una convenzione per la tutela dell’ambiente

di Elide Commenta

Ieri è stata una giornata molto importante per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente nel nostro territorio. Il Corpo Forestale dello Stato e la LIPU hanno infatti siglato una convenzione per impegnarsi insieme su diverse tematiche, come la tutela dell’ambiente, una migliore educazione dei cittadini a riguardo ma anche la lotta al bracconaggio.

La Lipu e il Corpo Forestale dello Stato con questa convenzione si impegnano ad agire insieme per prevenire i reati commessi nel territorio, con grande attenzione nei confronti dell’ambiente e quindi il traffico illegale di rifiuti o la deturpazione del paesaggio. Tra i tanti punti, c’è anche quello della tutela delle biodiversità e la lotta al bracconaggio o al commercio illegale di flora e fauna, sia autoctona che esotica.

Il Capo del Corpo Forestale, Cesare Patrone, e il Presidente Lipu-BirdLife Italia, Fulvio Mamone Capria, hanno siglato la convenzione nell’ambito della Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2012. Patrone ha così commentato l’evento:

L’obiettivo è tessere una collaborazione operosa attraverso cui educare i cittadini al rispetto degli animali e della natura, prevenire e reprimere i reati commessi contro fauna ed ambiente.

Un impegno che verte su due punti principali: la lotta all’illegalità ma soprattutto la salvaguardia dell’ambiente, che si fanno adesso più consolidate.

La LIPU è la Lega Italiana Protezione Uccelli, è attiva in Italia sin dal 1965 e conta migliaia di sostenitori ma soprattutto di volontari che si occupano ogni giorno attivamente di tutelare l’ambiente e gli uccelli e al contempo di sensibilizzare la popolazione su queste tematiche, mantenendo intatto il ruolo fondamentale della natura. Il Corpo Forestale dello Stato esiste addirittura dal 1822 e si occupa di tutela ambientale e paesaggistica con circa 8500 unità sparse per l’intero territorio. A maggior ragione si capisce quanto sia importante la convenzione stilata ieri, che pone l’ambiente come priorità e non come materia di second’ordine.

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>