Raccolta olio usato in favore dell’ambiente, l’anniversario del COOU

di Redazione 293 views0

Da trent’anni tondi tondi il COOU si prodiga per la raccolta dell’olio usato in favore dell’ambiente: e in occasione del suo anniversario, ecco che il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati rende noti alcuni dati che sanno di piccola vittoria.

Oltre 5 milioni di tonnellate di olio lubrificante usato sono stati raccolti in tutta Italia, a dimostrazione che il riciclo dell’olio è più gettonato di quanto si possa pensare con alcuni comuni in prima linea per la raccolta differenziata dell’olio. Il tutto ovviamente in difesa dell’ambiente perché si va a dare nuova vita a quello che dovrebbe essere a tutti gli effetti uno scarto. Si legge nel comunicato ufficiale reso pubblico dal Consorzio che in 30 anni, attraverso la rigenerazione sono state prodotte 2,5 milioni di tonnellate di oli base e oggi l’olio rigenerato entra nelle formulazioni del 25% dell’olio lubrificante prodotto in Italia.

RICICLO RIFIUTI: OLIO USATO, CHE FARNE?

Un dato che lascia grande soddisfazione in coloro che si prodigano ogni giorno affinché la raccolta dell’olio usato venga supportata da strutture idonee che facilitino questo passaggio. La parola al Presidente del Consorzio, Paolo Tomasi.

Proteggere l’ambiente e trasformare un rifiuto in risorsa è da trent’anni il nostro lavoro, la nostra scommessa sulla qualità della vita. Una scommessa che, come emerge anche dal Green Economy Report realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, oggi possiamo dire vinta, dal momento che il lavoro della nostra filiera ha consentito all’Italia di raggiungere standard elevatissimi nella raccolta e nel riciclo di questo rifiuto pericoloso. Un lavoro che non è passato inosservato all’estero, se si pensa che il nostro know-how è stato esportato in Paesi come la Cina e gli Stati Uniti. In trent’anni il mutamento delle condizioni economiche e normative ci ha posto con continuità delle sfide che ci hanno stimolato a un miglioramento continuo; e ancora oggi, la spinta ‘green’ e la sfida della sostenibilità rappresenteranno i criteri ispiratori per confermarci in futuro protagonisti di una Economy responsabile, competente e matura. Come quella che abbiamo perseguito e contribuito a realizzare nei trent’anni trascorsi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>