60 esperti per valutare gli effetti di Fukushima

di Redazione 35 views0

Un gruppo di esperti appartenenti allo Scientific committee on the effects of atomic radiation – il Comitato scientifico delle Nazioni Unite per lo studio degli effetti delle radiazioni ionizzanti o UNSCEAR è una delle tante organizzazioni che fanno parte delle Nazioni Unite – si sono riunite tutta la settimana nella sede dell’International atomic energy agency – IAEA – per arrivare a dare una valutazione degli effetti sulla salute prodotti dalla catastrofe nucleare di Fukushima Daiichi, avvenuto come tutti sanno l’11 marzo 2011.

Secondo Wolfgang Weiss, il presidente del comitato scientifico dell’UNSCEAR, nato nel 1955 quando è iniziato lo sfruttamento a fini civili dell’energia nucleare, il lungo meeting è servito per mettere

insieme un puzzle, valutando le esposizioni della popolazione in generale, dei lavoratori e gli effetti delle radiazioni, e cercando i pezzi mancanti.

L’UNSCEAR è stato spesso criticato per la sua scarsa incisività nell’esame degli effetti sanitari delle radiazioni – diversi osservatori parlano di una sorta di connivenza con la lobby nucleare, visto che ha per esempio minimizzato le conseguenze dell’incidente di Chernobyl -, ha il compito di fornire delle valutazioni “scientifiche” che forniscano la base dei programmi contro le radiazioni ionizzanti di governi e organizzazioni internazionali.

I dati presi in esame dall’organizzazione internazionale sono stati forniti dal governo giapponese, dalla FAO, dall’Organizzazione meteorologica mondiale, dalla Comprehensive nuclear-test-ban treaty organization, dall’OMS e infine dall’IAEA. La stessa Unscear spiega che sono stati contaminati

Aria, acqua piante ed animali con la radioattività

con fallout radioattivi a decine di chilometri dal sito del disastro nucleare.

La commissione indagherà sulle

lacune critiche nei dati che sono disponibili, sui quali è necessario concentrare ulteriormente, e come garantire la qualità e l’affidabilità di ciò su cui si basano le valutazioni.

Un rapporto preliminare sarà reso noto nel meeting annuale dell’Unscear, che si terrà dal 21 al 25 maggio 2012, mentre la relazione finale arriverà solo in occasione dell’Assemblea generale dell’Onu nel 2013 – la data precisa non è ancora nota.

Photo credits | Thinstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>