Guida alla coltivazione dell’ orto: attrezzatura e manutenzione degli utensili

di Blogger 173 views1

 Una volta individuato il luogo ove far crescere il nostro orto, bisogna pensare anche agli attrezzi del mestiere. Disporre degli attrezzi adatti renderà infatti più facile il lavoro: le lavorazioni dell’ orto richiedono un’ attrezzatura completa, in grado di risolvere le diverse esigenze colturali. Per evitare fatiche inutili, conviene dunque attrezzarsi di strumenti resistenti. La scelta va fatta con cura.

GLI ATTREZZI PER L’ ORTO
La regola generale che vale per tutti gli attrezzi è quella di acquistare sempre strumenti dal manico liscio e confortevole… insieme a guanti molto robusti.

La vanga
Nelle due versioni ovale e rettangolare, la vanga è indispensabile. la prima serve per scavare solchi e buche, mentre la seconda per i lavori di precisione. Non è così importante di quale metallo sia fatto l’ attrezzo, ma la parte su cui poggia il piede deve essere rovesciata in modo ad esso perpendicolare, in modo da evitare danni alle calzature.

La forca
All’ orticoltore esperto la forca risulta più pratica, poiché i rebbi penetrano con facilità nel terreno frantumando le zolle. Oltretutto se l’ appezzamento da dissodare fosse infestato da radici di piante, allora la forca diviene indispensabile.

Il rastrello
Un rastrello leggero dotato di una dozzina di rebbi rappresenta una buona scelta per i terreni più comuni. Alcuni rastrelli hanno rebbi angolari ed appiattiti ed il manico in alluminio o frassino rivestito di plastica. Si sceglie il preferito, da tenere presente che quelli più costosi sono quelli in acciaio inossidabile.

Altri attrezzi
Piccone e badile servono per scavare un terreno duro e compatto. Falce e falcetto elimineranno infestati e rovi, mentre sega e accetta servono per alberi e arbusti. Per il trasporto di terra e letame servirà poi una carriola.
Vi sono poi gli accessori: canne in gomma per l’ acqua, spago per tracciare le parcelle, paletti in legno, forbici da pota, filo di ferro… Il resto potrà essere aggiunto secondo le proprie necessità particolari.
E’ meglio se l’ attrezzatura trova posto in un luogo apposito.

MANUTENZIONE DEGLI UTENSILI
Anche la migliore attrezzatura si arrugginisce e si logora se non viene mantenuta correttamente. Dopo il lavoro non si deve mai abbandonare gli utensili nell’ orto o metterli via senza averli ripuliti. Bisogna togliere accuratamente la terra e lavare gli attrezzi prima di riporli al loro posto.
Il luogo ideale è un rastrelliere per utensili, che permette di conservare tutto con ordine e di avere una visione completa degli attrezzi stessi. Particolare attenzione va fatta con la pulizia degli attrezzi prima della pausa invernale: sulle parti coperte di ruggine va dato del petrolio, oppure qualche prodotto speciale, mentre le parti metalliche vanno ricoperte di olio di paraffina.

Commenti (1)

  1. questi sono attrezzi manuali, adesso ci sono quelli a motore, come il motozappa che sostituisce la zappa, la forca etc. e altri!
    questo sito è bello ma incompleto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>