I lampioni intelligenti fanno risparmiare elettricità ai comuni

di Blogger 233 views1

Nell’era della domotica e degli “elettrodomestici intelligenti” non poteva che mancare qualche applicazione anche all’arredo urbano “intelligente”. E se serve per far risparmiare energia – con i tempi che corrono – l’interesse verso Minos, il sistema di telecontrollo a onde convogliate che consente di far risparmiare fino al 35% sull’elettricità consumata dai lampioni, è più che giustificata. Se pensiamo a quanti lampioni sono accesi ogni notte, su ogni strada e in ogni città italiana, possiamo avere un’idea di quanta elettricità viene impiegata per illuminare le nostre notti.

L’applicazione può infatti essere utilizzata sia per i lampioni pubblici che per quelli privati e consente di illuminare solo dove serve e per quanto serve.

IL SISTEMA MINOS

Come funziona? Il sistema Minos invia dei comandi di funzionamento e rilevare dati direttamente via cavo con l’apparecchio di illuminazione installato: così è possibile gestire l’energia in modo da illuminare solo “dove serve, quando serve e come serve“. Ovvero, è possibile regolare la quantità di luce impiegata, spegnere i punti luce in base a orari ed esigenze, ed ottenere così un consumo ottimale.

A sentire i produttori, molti comuni avrebbero già adottato questo sistema, i cui costi vengono ammortizzati in 4-5 anni al fronte di una durata dell’impianto di 20-25 anni.

IL RISPARMIO ENERGETICO

Certo, in molti si stanno già dotando di sistemi di illuminazione a pannelli solari, puntando direttamente sulle rinnovabili. Tuttavia, affiancare il risparmio energetico allo sviluppo di tecnologie pulite è uno dei tanti modi per contribuire a far diminuire la nostra dipendenza energetica dall’estero e da chi ci vende energia prodotta con le centrali nucleari. Anche con iniziative “piccole” come questa. Pensateci… il risparmio energetico paga!

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>