Energie rinnovabili: Enel Green Power propone l’ abbattimento dei costi per i piccoli comuni

di Blogger 42 views0

“Abbattere i costi dell’ energia rinnovabile ed evitare speculazioni”, è la strada che Francesco Starace, presidente di Enel Green Power, indica nel corso del convegno “piccoli comuni, grandi obiettivi” organizzato la scorsa settimana insieme a Legambiente a Roma.
Sul solare fotovoltaico l’ abbattimento dei costi è stato più veloce di quello che ci si aspettava“, con pannelli più efficienti e sempre più gente che ci lavora. Un percorso come quello che è stato “dei computer e dei cellulari”. Starace parla anche di “risorse per offrire la massima diffusione mano a mano che le tecnologie sono mature” e del lancio a maggio del mini-eolico e in autunno di un progetto sulla geotermia.

I PICCOLI COMUNI VERDI
Sono 3.851 i piccoli comuni con almeno una fonte rinnovabile. Quelli con pannelli fotovoltaici sono 2.961 per una potenza di 96 Mw (soddisfano il fabbisogno energetico elettrico di oltre 51.000 famiglie evitando 77.000 tonnellate di CO2).
Sono 1.680 i piccoli comuni del solare termico.
Per l’ eolico, con un incremento record del 35%, su 3.878 Mw di potenza installata 2.917 Mw ricadono in piccoli comuni (fabbisogno elettrico di 2.330.000 famiglie).

CRISI, SEMPLIFICAZIONE E ISTITUZIONI
Si concentra su tre punti Ermete Realacci, responsabile ambiente del Pd: crisi, semplificazione e istituzioni. Scegliere le rinnovabili, dice, è “una scelta di fondo oltre che un modo efficace per affrontare la crisi“. Ma, avverte, in Italia molte imprese “buttano sangue” perché “bloccate da troppa burocrazia”: serve “una semplificazione”. Un esempio da seguire, quello dei piccoli comuni, che secondo Edoardo Zanchini, responsabile energia di Legambiente, ha bisogno di “un’accelerazione” nelle “politiche pubbliche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>