In Europa crescono le cure per gli animali: giro da 9 miliardi di euro

di AnnaMaria Commenta

Secondo una ricerca condotta da Assalco-Zoomark il numero degli animali d’affezione si aggira attorno ai 200 milioni su 75 milioni di abitazioni. Numeri importanti che giustificano l’enorme espansione del mercato del “pet-care” che nel 2016 in Europa ha registrato una crescita dello 0,9% a quota 9.980 milioni di euro.

> ANIMALI DOMESTICI IN CONDOMINIO, COSA C’E’ DA SAPERE

Il decimo Rapporto Assalco-Zoomark che verrà presentato ufficialmente a Bologna l’11 maggio, ha compiuto rilevazioni in Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, e Spagna, e ha evidenziato che le nazioni che fanno da traino al mercato di prodotti e attrezzature per gli animali da compagnia sono state, in particolare Spagna (+5,5%), Italia (+2,2%) e Germania (+2,1%).

> GLI ITALIANI HANNO MENO ANIMALI DOMESTICI

La Francia è il paese con il maggior numero di felini (12,6 milioni), il Regno Unito quello con più cani (8,5 milioni), la Germania ospita la più larga quota di roditori (5,9 milioni), mentre all’Italia va il primato per il numero degli uccelli ornamentali, con 12,9 milioni di esemplari. Gli acquari sono più di 15 milioni, concentrati prevalentemente in Germania (2,1 milioni), Francia (1,9 milioni) e Italia (1,662 milioni).

> ANIMALI DOMESTICI E L’ATTIVITA’ DEGLI ANZIANI

L’edizione 2017 del Zoomark International, il Salone internazionale dei prodotti e delle attrezzature per gli animali da compagnia, si svolgerà a Bologna Fiere dall’11 al 14 maggio. Il salone si svolge negli anni dispari e nell’edizione del 2015 ha registrato la presenza di 615 espositori, di cui 394 esteri provenienti da 35 Paesi, 22.299 visitatori, 5.526 buyer italiani e 6.773 esteri provenienti da 85 Paesi.

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>