Scope elettriche ecologiche: come funzionano

di isayblog4 Commenta

Diciamoci la verità, pulire casa non è un piacere per nessuno, e a volte, per mancanza di tempo (oltre che di voglia…), diventa davvero un problema.

Naturale, quindi, che qualunque soluzione per facilitare i compiti di igiene e lustro sia non solo bene accetta ma soprattutto cercata ed approvata, dalla casalinga (più o meno “disperata”) così come dalla padrona di casa, mamma di una famiglia numerosa, o dal single più convinto.

E allora, vediamo insieme quali sono le soluzioni più consigliate, prendendo in considerazione una metratura nella media, senza pensare a soluzioni di tipo industriale o alle grandi imprese, ma semplicemente al nostro quotidiano: in questo caso, quindi, quale migliore soluzione della scopa elettrica ecologica?

E’ leggera, maneggevole, efficace e in più non inquina: c’è di meglio?

Infatti, grazie alle dimensioni sempre ridotte e al peso davvero limitato, è l’elettrodomestico per pulizie domestiche forse più accessibile e versatile, utilissimo in un qualsiasi appartamento.

I modelli sono vari, sia per potenza, che efficacia, che dimensione, così come, ovviamente, diverso è il prezzo.

Ma vediamone insieme le principali caratteristiche, partendo dal presupposto che le scope elettriche ecologiche non hanno sacco (e già questo è un bel vantaggio!) e il loro motore assicura elevate prestazioni pur con ridotti consumi energetici.

Peraltro, dal settembre del 2015, una normativa prevede che gli elettrodomestici non possono superare una potenza superiore a 1.600 watt e questo limite scenderà addirittura a 900 nel settembre di quest’anno. C’è da sapere, a riguardo, che se il flusso d’aria non ha dispersioni, si ha la resa massima di aspirazione e, quindi, di pulizia, con un risparmio che può arrivare anche al 50% degli aspirapolveri tradizionali: ad esempio, si può avere una prestazione da 1800 watt con un consumo di soli 900 watt.

Buona parte delle scope elettriche non ha il filo, ma funziona a batteria, con il vantaggio di rendere l’elettrodomestico molto maneggevole e pratico: di rimando, lo svantaggio può essere la limitata autonomia che, di solito, varia da mezz’ora a un’ora.

Per sopperire alla mancanza del sacchetto, sono dotate di un raccoglitore che, quando è pieno, deve essere svuotato, per poi essere pulito con acqua, con un notevole risparmio rispetto al dover cambiare, e quindi acquistare, i sacchi “usa e getta”. Peraltro ci sono raccoglitori con una capacità intorno ai due litri, per i quali l’operazione di pulizia può essere fatta al termine di una serie notevole di passaggi

Ci sono anche scope elettriche a vapore, altrettanto interessanti poiché, oltre a pulire, igienizzano senza l’aiuto di detersivi né additivi, e anche in questo caso l’eventuale prezzo magari apparentemente elevato può poi essere ammortizzato visto che non serve altro: valutiamo, in caso di scelta di uno di questi modelli, una buona capienza del serbatoio, almeno 300 ml, per non doverlo continuamente rabboccare, e consideriamo un discreta potenza, almeno 1400 watt, al fine di rendere il getto di vapore veramente efficace.

Altro elemento interessante sono gli accessori: spazzole per parquet o specifiche per peli di animali, di cui non tutti i modelli sono dotati ma che, senz’altro, aggiungono un completamento interessante all’offerta della nostra scopa elettrica ecologica.

Ricapitolando, quindi: minori consumi di energia, minor acquisto di detersivo, minor spreco di materiale e, per contro, maggiore praticità, maggior risparmio in prospettiva, maggiore maneggevolezza…Direi senz’altro un elettrodomestico vincente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>