Gli italiani hanno meno animali domestici

di AnnaMaria Commenta

Il Rapporto Italia 2017 di Eurispes, che come ogni anno analizza la capacità dispesa degli italiani e la loro posibilità di spendere denaro e risparmiare, quest’anno evidenzia anche un dato interessante per tutti gli amanti degli animali domestici.

Emerge infatti che il 33% degli italiani ha almeno un animale domestico in casa, ma la crisi economica che ha colpito duramente  ha causato un calo del 10% di questa percentuale rispetto al 2016. Ed è diminuita anche la capacità delle famiglie italiane di affrontare la spesa per nutrire gli animali e per dedicargli le cure necessarie in caso di problemi di salute.

> 10 FATTI AFFASCINANTI SUGLI ANIMALI DOMESTICI

Il Rapporto Italia 2017 rivela anche le case degli italiani ospitano per la maggior parte i cani (il 62%) e poi i gatti (42%). Tra coloro che possiedono un animale, il 34,4% lo ha acquistato in un negozio mentre il 22,1% ha preso un trovatello in un canile o lo ha adottato grazie a privati o associazioni di cura degli animali. Il 30,4% ha adottato un animale abbandonato e infine il 31,3% ha ricevuto l’animale domestico in regalo.

> ANIMALI DOMESTICI IN CONDOMINIO, COSA C’E’ DA SAPERE

Quasi l’80% di chi possiede un animale non spende più di 50 euro mensili per cibo e cure, una cifra di poco superiore (+6,4%) rispetto al 2016. Ma a causa dei problemi economici molti italiani (il 17,3%) hanno rinunciato alle cure mediche o agli interventi chirurgici costosi per i loro animali, mentre il 15, 4% ha ridotto le spese per i medicinali. Il 25% ha ridotto le visite veterinarie e il 39% ha acquistato cibo meno costoso. E dispiace sapere che i problemi economici hanno costretto il 41% degli italiani a rinunciare a prendere altri animali in casa.
A ROMA UN CIMITERO PER GLI ANIMALI DOMESTICI

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>